Il Festival della Valle d'Itria dà spettacolo con un “Matrimonio segreto”

Giovedì 18 Luglio 2019
Il matrimonio segreto, regia di Pizzi
È il capolavoro di Domenico Cimarosa Il matrimonio segreto l’opera inaugurale della 45a edizione del Festival della Valle d’Itria dal titolo “Albori e bagliori. Napoli e l’Europa: il secolo d’oro”. Il debutto di martedì 16 luglio alle ore 21 nell’Atrio del Palazzo Ducale rappresenta anche un tributo a uno dei più grandi maestri del teatro italiano come Pier Luigi Pizzi, che ritorna a Martina Franca dopo i successi ottenuti con Francesca da Rimini del 2016 e con la Grande-Duchesse di Gérolstein del 1996.

A Pizzi, per celebrarne i quasi 70 anni di carriera, sono stati affidati anche regia, scene e costumi della rarissima
Ecuba di Manfroce, in scena il 30 luglio e il 4 agosto. Tra i più alti esempi di opera buffa italiana, il dramma giocoso in due atti di Cimarosa, è proposto a Martina Franca nell’edizione critica a cura di Franco Donatoni, edita da Casa Ricordi, su libretto di Giovanni Bertati, nella versione rielaborata da Michele Spotti, Pier Luigi Pizzi e Carmen Santoro.

La direzione dell’Orchestra del Teatro Petruzzelli di Bari, che inaugura quest’anno una nuova collaborazione con il Festival martinese, è affidata alla bacchetta di un giovane direttore in rapida ascesa come Michele Spotti, classe 1993. Il cast è composto da Marco Filippo Romano (Signor Geronimo), uno dei baritoni buffi di maggior talento oggi, già protagonista nel 2018 di
Figaro su, Figaro giù…! (libera rivisitazione del Barbiere di Siviglia con la partecipazione straordinaria di Elio), Vittorio Prato (Conte Robinson), altro baritono di comprovata esperienza belcantista, e da giovani di straordinario valore, sia vocale sia teatrale, come Maria Laura Iacobellis (Elisetta), Benedetta Torre (Carolina), Ana Victoria Pitts (Fidalma) e Alasdair Kent (Paolino).

La cornice creata da Pizzi sarà quella di una raffinata commedia di ambientazione sofisticata: in scena è riprodotto un appartamento arredato con preziose opere d’arte contemporanea, e i protagonisti indossano abiti eleganti e alla moda, selezionati dalla collezione della sartoria Latorre, uno dei marchi pugliesi più ricercati di oggi, protagonista delle sfilate milanesi. Il disegno delle luci è curato da Massimo Gasparon.

Oltre al
Matrimonio segreto e a Ecuba, il cartellone di quest’anno è arricchito anche dall’Orfeo di Porpora, da Coscoletto di Offenbach nel bicentenario della nascita del compositore francese – entrambe prime italiane – e dal consueto appuntamento dell’“Opera in masseria”, che quest’anno si fa itinerante in cinque fra gli spazi più belli del territorio. Intorno alle opere, come sempre, un programma intenso di concerti, incontri e iniziative, cui si aggiunge nel 2019 l’omaggio a Paolo Grassi, personaggio chiave del mondo culturale italiano del Novecento, oltre che figura determinante nei primi anni del Festival martinese. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma