Stile Vasco, la festa nel centro di Roma è rock

Mercoledì 12 Settembre 2018 di Maria Serena Patriarca
Stile Vasco, la festa nel centro di Roma è rock

Trent’anni fa portarono in scena, e con enorme successo, la commedia cult “Volevamo Essere gli U2”. Adesso Enrico Lo Verso e il resto del cast stanno per ritornare di nuovo sul palcoscenico, a Roma, nello spettacolo “Forse era meglio Vasco”, dal 3 ottobre al teatro trasteverino di via Natale del Grande. Niente di meglio, allora, che brindare tutti insieme all’imminente debutto e augurarsi un collettivo “in bocca al lupo” a cena. Riflettori puntati sul ristorante in stile salotto francese d’antan in piazza delle Coppelle, ieri, per il dinner post-prove che ha radunato allo stesso tavolo Enrico Le Verso, Margo Galli, Alberto Molinari, Federico Scribani, Maria Carolina Salomè e Francesca Sau, giovane debuttante di 18 anni new entry dello storico gruppo di attori. Arrivano anche Antonella Salvucci, di rientro dal Canada; Carolina Marconi nella sua nuova veste di stilista e Camilla Ancilotto, artista.
 

 
 
Complice il comune amico Emilio Sturla Furnò, organizzatore dell’happening teatrale-gourmet, i commensali, dopo l’intenso lavoro di ore di prova sul palco, hanno voluto staccare la spina per una sera, affidandosi alla salutare iniziativa che il locale ha ideato per il martedi: dichiarare off limits i telefoni cellulari, per cenare o semplicemente brindare accompagnati dalla lettura di un buon libro scelto nel salotto in stile napoleonico. «Di solito i volumi più richiesti dai nostri clienti sono i testi di poesie, che si conciliano meglio con un’atmosfera di relax all’insegna del digital detox», afferma il direttore Rachelle Guenot. Fra un tagliere chic e un pan brioche con variazione di barbabietola, fino all’apparizione del dolce al cioccolato kanuga con gelato alla vaniglia, gli attori ricordano, sul filo dell’emozione e dei sorrisi, il fortunato show “Volevamo essere gli U2”, che girò l’Italia in tournée per oltre due anni e dal quale venne tratto l’omonimo film. Dagli anni ’90 al 2018 sembra essere passato un lampo: eccoli adesso, quasi pronti per la prima della nuova pièce generazionale scritta e diretta da Umberto Marino, dove gli interpreti recitano e suonano. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il pugno di ferro di Papa Francesco sui vescovi americani

di Franca Giansoldati