Federico Fellini, a Padova la mostra “Verso il centenario” con lettere inedite, disegni e testimonianze

Sabato 13 Aprile 2019
C'è anche la lettera scritta a Giulietta Masina prima di essere operato, nel 1993, anno dell'Oscar alla carriera e della morte, che inizia con la frase «ancora un bacetto prima di addormentarmi», nella mostra che Padova dedica a Federico Fellini, aperta dal 14 aprile al 1 settembre. La lettera alla moglie, protagonista di film come «La Strada», «Giulietta degli spiriti» o «Ginger e Fred» è uno dei tasselli che compongono la mostra curata da Vincenzo Mollica, Alessandro Nicosia e Francesca Fabbri Fellini, e organizzata dall'assessorato alla cultura e con la collaborazione di Rai e Rai Teche, intitolata «Verso il centenario. Federico Fellini. 1920-2020» che di fatto dà il via alle celebrazioni che ricorderanno i cento anni dalla nascita del regista. Fellini era nato a Rimini il 20 gennaio 1920 e morto il 31 ottobre 1993 a Roma.

La mostra vuole non solo rendere omaggio a uno dei protagonisti più noti al mondo del cinema italiano, vincitore di cinque Oscar, a farne intravedere, attraverso i vari segni del suo lavoro, tra cui molti inediti, la complessità umana e culturale ma anche far conoscere la sua opera alle nuove generazioni con la speranza che una volta usciti tutti «abbiano la voglia di tornare a casa e vedere un suo film», come dice la nipote Francesca. Il percorso espositivo spazia dalle immagini della famiglia a Rimini ai documenti degli inizi degli anni '40 a Roma per riviste teatrali o commedie radiofoniche, ora con Marcello Marchesi, come «Primo impiego», ora con Ruggero Maccari. Poi il cinema con i documenti su «Sceicco Bianco» del 1952, con la lettera che scrittura Alberto Sordi o il piano di lavorazione, la sceneggiatura di «La Dolce vita» del 1960, i contratti di Mastroianni e Anita Ekberg, le lettere di protesta di associazioni cattoliche contro la proiezione del film, i manifesti dei tanti capolavori, «8 1/2» o «Amacord», la testa in cartapesta di «Satyricon»,il modellino per «La nave va», le carte uscite dagli archivi ministeriali delle «revisioni preventive». Ci sono i costumi di «Casanova», ma anche i 200 disegni che Fellini ha realizzato nel corso della vita per dare corpo ai suoi personaggi e alle sue fantasie e una sala «vietata ai minori» come per i film che si intitola «Erotomachia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma