Focolaio a Medjugorje, dopo i pellegrini contagiati anche i ristoratori sardi in un altro viaggio: 20 positivi e un morto

I partecipanti erano una trentina

Focolaio a Medjugorje, dopo i pellegrini contagiati anche i ristoratori sardi: 20 positivi e un morto
3 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Novembre 2021, 10:49 - Ultimo aggiornamento: 10:56

Il virus corre. Non solo i 100 contagiati dopo il pellegrinaggio a Medjugorje, ma ci sarebbe anche un altro focolaio di Covid 19 nel Sassarese. Si tratta di un gruppo di ristoratori, baristi a titolari di altri servizi per il turismo di Santa Teresa Gallura, Olbia, Sassari e qualcuno del Cagliaritano che, chiusa l'attività alla fine dell'estate, hanno organizzato un viaggio di piacere in Veneto. Risultato - secondo quanto riporta il quotidiano La Nuova Sardegna - una ventina di contagi e un decesso, anche se legato a una patologia preesistente. Complessivamente i partecipanti erano una trentina, tutti amici che da anni festeggiano la fine della stagione con un viaggio tra relax, enogastronomia e cultura.

Sardegna, il focolaio di Medjugorje si allarga: 100 positivi (quasi tutti non vaccinati). C'è anche un medico no vax

Medjugorje, in Sardegna in mille sotto osservazione e 4 fedeli ancora in ospedale dopo il viaggio

«Anche il nostro era in qualche modo un viaggio della speranza, seppure diversa da quella di chi è andato a Medjugorie. Era la speranza di normalità, per mettere fine a questo lungo periodo di chiusura nei confini dell'isola. Purtroppo, nonostante fossimo tutti vaccinati e con Green pass, alla fine molti di noi si sono ritrovati positivi», ha raccontato al quotidiano uno dei partecipanti al viaggio con base in un hotel ad Abano Terme dal 17 al 24 ottobre.

Green pass, obbligo fino a primavera: no con i tamponi e durata solo di sei mesi. Come può cambiare

© RIPRODUZIONE RISERVATA