Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, supercomputer smaschera il virus nascosto sotto una glassa di zuccheri: così i nuovi vaccini saranno più efficaci

Covid, supercomputer smaschera il virus nascosto sotto una glassa di zuccheri: così i nuovi vaccini saranno più efficaci
4 Minuti di Lettura
Martedì 19 Gennaio 2021, 15:40 - Ultimo aggiornamento: 18:53

Covid, il virus si nasconde sotto lo zucchero e così mimetizzato sfugge agli anticorpi e ai farmaci. Ora una ricerca condotta dall'Università della California a San Diego e in Irlanda permette di smascherare con più efficacia il responsabile dalla pandemìa che ha già causato già oltre due milioni di morti. E quindi di combatterlo anche se va sempre ricordato che si tratta di risultati provvisori che devono essere ancora studiati, sperimentati e soprattutto trasferiti alla creazione di farmaci e terapie. Una ricerca che sarà comunque utilissima per mettere a punto nuovi vaccini.

Una ricerca per i nuovi vaccini

 

Catene di zucchero
 

A ogni modo molto si deve ai supercomputer utilizzati in questa ricerca di Rommie Amaro che ricorda che «i glicani, catene di zucchero, biomolecole onnipresenti sugli esseri viventi, sono responsabili della comunicazione fra le cellule: tutte le strutture biologiche quali le membrane cellulari e le proteine ne sono rivestite ed è attraverso di esse che si propagano le infezioni compreso quella causata dal virus Covid-19». 

Il problema, come viene riportato da El Pais nel descrivere la ricerca americana, non è facile osservare e quindi studiare queste biomolecole che si muovono molto velocemente. Così l'equipe di Amaro ha deciso di simulare la costituzione di questa glassa o smalto che copre la proteine spike attraverso complessi algoritmi "maneggiabili" da supercalcolatori. Una glassa zuccherina che aiuta il Covid a penetrare nelle cellule e lo rende simile a tutte le altre permttendogli di passare inosservato e "confondendo" gli anticorpi.  «Tutte le nostre cellule sono rivestite di zuccheri, se la proteina ne fosse priva il nostro sistema immunitario la riconoscerebbe subito», spiega Elisa Fadda, ricercatrice della Maynooth University in Irlanda, coautrice dello studio.

Disinnescare le catene di zuccheri è la strategia anche di chi ha messo a punto i vaccini  Pfizer-BioNTech, Moderna e AstraZeneca creando copie della proteina spike del coronavirus per innescare una risposta immunitaria, ma  le differenze «fra queste coperture di zuccheri sono minime e di ciò dovranno tenere conto i nuovi vaccini».

 


Paradossalmente da quando ci si occupadella pandemìa del Covid-19 si è parlato dettagliatamente di proteine, Rna, Dna e lipidi (che fanno parte della corazza del coronavirus che si può distruggere con acqua e sapone), ma ci  poco occupati degli zuccheri.  «Questi glicani - spiega Carme Rovira, professore dell'Icrea all'Università di Barcellona - sono come codici a barre, le nostre cellule possono leggerli per identificarsi a vicenda e rileva anche minacce, come batteri e virus patogeni». Vedi una delle armi più efficaci contro l'influenza, l'antivirale Tamiflu (oseltamivir), che è anche legata alla chimica degli zuccheri. Il Tamiflu inganna le proteine ​​del virus dell'influenza, le blocca e rallenta la progressione della malattia. E anche le cellule cancerose hanno unno spesso rivestimento di zuccheri, compresi alcuni che le mimetizzano dal nostro sistema immunitario».


Il team di Amaro e Fadda ha lavorato per due mesi a simulazioni con un supercomputer più potenti al mondo a  Frontera in Texas, il cervellone più veloce al mondo per uso accademico facendo e quinto nella classifica assoluto, facendosi si inoltre aiutare dalla Prace, l'alleanza europea per l'informatica avanzata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA