Quarantena Covid, scende da 7 a 5 giorni dopo test negativo (e se asintomatici almeno da 48 ore). La circolare del Ministero

In caso di positività persistente si potrà interrompere l'isolamento al termine del 14° giorno dal primo tampone positivo

Quarantena Covid, scende da 7 a 5 giorni per positivo dopo test negativo. La circolare del Ministero
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 31 Agosto 2022, 23:19 - Ultimo aggiornamento: 2 Settembre, 10:56

Quarantena per Covid, si cambia. Non più sette ma 5 giorni di isolamento prima di poter uscire da casa. A patto però di avere un test negativo e di essere asintomatici da almeno due giorni (o non esserlo mai stati). È quanto prevede la circolare del ministero della Salute, di «aggiornamento delle modalità di gestione dei casi e dei contatti stretti di caso Covid-19».

Omicron, in America via libera ai vaccini aggiornati di Pfizer e Moderna. Oms: «Prepararsi all'inverno»

Quarantena, le nuove regole

«Per i casi che sono sempre stati asintomatici oppure sono stati dapprima sintomatici ma risultano asintomatici da almeno 2 giorni, l'isolamento potrà terminare dopo 5 giorni, purché venga effettuato un test, antigenico o molecolare, che risulti negativo, al termine del periodo d'isolamento». spiega la circolare. L'isolamento quindi, sulla base dell'andamento dei contagi, passa da 7 a 5 giorni, sempre sottoposto all'esito del tampone. «In caso di positività persistente - si legge nella circolare firmata dal direttore generale Giovani Rezza - si potrà interrompere l'isolamento al termine del 14° giorno dal primo tampone positivo, a prescindere dall'effettuazione del test».

 

Le varianti

Il ministero - sempre secondo la circolare - valutata la diffusione a livello globale della nuova variante omicron B.1.1.529 e considerata l'attuale evoluzione del quadro clinico del Covid ha aggiornato le indicazioni sulla gestione dei casi e sulle modalità di isolamento. «Per i contatti stretti di caso di infezione da SARS-CoV-2 sono tuttora vigenti le indicazioni contenute nella Circolare del 30 marzo scorso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA