ATAC

Roma, come fa a trovare un bagno l’autista del bus notturno

Lunedì 7 Ottobre 2019 di Pietro Piovani
Come fa a trovare un bagno l’autista del bus notturno
Anna Elisa - grande utente dei mezzi pubblici, e per questo preziosa fonte di storie che avvengono sugli autobus romani - racconta che una sera sul tardi, sulla linea 711, l’autista all’improvviso ha frenato, ha aperto la porta, è sceso ed è sparito per qualche minuto nel buio di piazza Mosca, al Trullo. Poi è risalito ed è tornato alla guida come se nulla fosse. Probabilmente la sosta era motivata da un’urgenza personale facilmente immaginabile. In quel momento a bordo c’erano due passeggeri, Anna Elisa e una sua amica, ed è ragionevole pensare che la presenza di due sole persone, oltretutto donne, possa aver convinto l’autista a fare ciò che difficilmente avrebbe potuto concedersi con un autobus pieno di gente.

Con i tempi che corrono i dipendenti dell’Atac in genere cercano di evitare rogne: troppe sono state le aggressioni subite nei mesi scorsi, ed esiste anche il precedente di un autista che qualche anno fa venne quasi picchiato al capolinea per essersi allontanato alla ricerca di una toilette, mentre i viaggiatori avevano fretta di partire. 
Le due signore a bordo del 711 non hanno protestato, né hanno contestato al guidatore l’interruzione di pubblico servizio, anche perché sapevano bene quanto sia difficile trovare un bagno, di notte, a Roma.

pietro.piovani@ilmessaggero.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma