Roma, ragazzo nigeriano stava per partire col treno per Firenze con un kg di droga

Un ragazzo nigeriano è stato arrestato dalla Polizia Ferroviaria per detenzione ai fini spaccio di  sostanze stupefacenti. Lo straniero, si è presentato ai varchi alla stazione Termini, presidiati dagli agenti della Polfer, munito di biglietto per Firenze ed autocertificazione. Il giovane pusher ha pensato che fosse sufficiente per effettuare il viaggio con il suo zaino pieno di droga sulle spalle. Ma i capillari servizi di controllo disposti per l’applicazione della normativa sulle limitazioni di spostamento e il fiuto dei due espetri poliziotti lo hanno incastrato.Quando gli agenti del Reparto Operativo lo hanno incalzato con alcune domande circa i motivi del suo spostamento e del perché fosse sprovvisto di documento di identificazione.

Lo straniero visibilmente agitato, ha confermato di doversi recare a Firenze a trovare un amico che aveva bisogno di aiuto. I poliziotti, insospettiti dall’atteggiamento tenuto dal ragazzo e notando lo zaino pieno sulle sue spalle hanno proceduto ad un controllo all'interno della borsa . L’intuizione degli agenti, rivelatasi corretta, ha permesso di trovare, in fondo allo zaino, ben occultato da altro materiale da viaggio, un involucro di cellophane di colore nero contenente 1 kg. di marijuana. E’ immediatamente scattato il sequestro della droga e l’arresto del cittadino nigeriano, che dovrà rispondere di detenzione di droga ai fini di spaccio  e mendaci dichiarazioni a pubblico ufficiale, oltre la denuncia per inottemperanza al decreto anticovid19.

ALTRE FOTOGALLERY DELLA CATEGORIA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani