COVID

Roma, la manifestazione dei ristoratori “IoApro” domani a Montecitorio non è autorizzata. Gli organizzatori: «Arriviamo con 130 pullman»

Domenica 11 Aprile 2021
1
La protesta dei commercianti all'Eur

La manifestazione lanciata per domani, lunedì 12 aprile, a piazza Montecitorio a Roma dal movimento IoApro -  a sostegno delle categorie commerciali e imprenditoriali e contro le chiusure imposte alle attività commerciali - non è autorizzata, spiega la Questura. La piazza è già occupata da un'altra manifestazione.

Ma gli organizzatori, nonostante il divieto, sono già pronti: «130 pullman partiranno da tutta Italia, invaderemo Montecitorio». Così il movimento «IoApro» sulla pagina Facebook: «Questi pullman sono confermati. Utilizzate anche auto e treni per spostarvi, nessuno può fermarvi per riconquistare i vostri diritti. Circonderemo il Parlamento in maniera pacifica e lì costringeremo ad uscire dal palazzo. Facciamo la storia insieme: 20.000 o 50.000 dipende da voi».

Ferme e chiare le parole della Questura: «A differenza di quanto affermato e diffuso sui social si segnala che, con formale provvedimento redatto dalla Questura di Roma il 9 aprile, la piazza di Montecitorio è stata formalmente vietata per la giornata di domani ai rappresentanti del movimento IoApro, in quanto già concessa e, quindi occupata da un'altra manifestazione regolarmente preavvisata nei giorni precedenti, che si svolgerà nella stessa fascia oraria con la prevista partecipazione di cento persone».

Protesta di commercianti e ristoratori per le riaperture, scontri a Piazza Montecitorio

Riaperture bar, palestre, ristoranti e cinema: nuovi protocolli, si lavora per inizio maggio

La Questura ribadisce, inoltre che, nel rispetto delle prescrizioni in vigore in materia di contrasto alla diffusione del virus Sars Covid-19, la piazza può ospitare un numero massimo di 100 manifestanti. Pertanto, al fine di non generare false informazioni circa la possibilità di accedere alla manifestazione nel numero di 20.000 persone così come annunciato sui social, e per evitare i conseguenti provvedimenti, si ribadisce che la manifestazione pubblicizzata non è autorizzata.

Ultimo aggiornamento: 16:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA