Gay ucciso a Roma, in appello omicida condannato a 30 anni

Gay ucciso a Roma, in appello omicida condannato a 30 anni
1 Minuto di Lettura
Martedì 9 Febbraio 2016, 14:28 - Ultimo aggiornamento: 10 Febbraio, 15:46

Al rifiuto reagì sferrando con un cacciavite i tre colpi che uccisero l'amico che aveva conosciuto poco tempo prima e del quale si era invaghito. I giudici d'appello hanno inflitto trent'anni di reclusione ad Andrea Troisio, il 34enne romano che nel gennaio 2014 uccise il volontario del Gay Center, Daniele Fulli, lasciato agonizzante in prossimità di una pista ciclabile lungo l'argine del Tevere.

Confermata in appello la sentenza di primo grado, emessa dal gup dopo il processo col rito abbreviato per le accuse di omicidio volontario aggravato dai futili motivi e dalla minorata difesa; unica differenza è che adesso i giudici della I Corte d'assise d'appello hanno escluso la seconda aggravante contestata, pur confermando la quantificazione della condanna.

La morte di Fulli arrivò dopo molte ore dall'aggressione. Non solo; secondo l'accusa l'imputato, dopo aver spinto giù in una scarpata l'amico per sottrarlo alla vista della gente, si impossessò successivamente anche del suo borsello contenente soldi, cellulare, chiavi di casa ed effetti personali. Il killer fu rintracciato dai carabinieri a Villa Maraini, la comunità per tossicodipendenti dove era in cura. Messo sotto torchio, confessò.

© RIPRODUZIONE RISERVATA