Renzi liquida l'ipotesi coalizione, Prodi replica: devo spostare la tenda? Nessun problema

Martedì 27 Giugno 2017
16
Renzi (laPresse)

«Leggo che il segretario del Partito democratico mi invita a spostare un po' più lontano la tenda. Lo farò senza difficoltà: la mia tenda è molto leggera. Intanto l'ho messa nello zaino». A dirlo è Romano Prodi dopo che il premier, alla luce dei ballottaggi, ha liquidato le ipotesi di coalizioni di centrosinistra a cui in molti, da Pisapia al Professore, stavano lavorando.

​«Le continue esasperanti polemiche nel centrosinistra alla fine non fanno altro che agevolare il fronte avversario. È stato sempre così. Ma se in tanti pensano che il problema sia soltanto dentro il Pd, è chiaro che poi alle elezioni rischia di vincere qualcun altro», ha detto il segretario del Pd in mattinata durante la rassegna stampa del Nazareno #OreNove. 

«Ci sono state polemiche perché abbiamo presentato sui social la torta di Ricci - prosegue Renzi -. In questi casi ognuno rivendica un pezzo di vittoria. I Cinque stelle avendo vinto 8 comuni su 165 dicono che prosegue l'avanzata trionfale e noi che ne abbiamo vinti 67 non ne potevamo esser da meno. Ma i nostri lo hanno detto subito in tv che abbiamo perso. Sconfitte come Genova fanno male. Nel complesso numericamente abbiamo vinto più comuni degli altri, ma rispetto all'altra volta ne abbiamo persi di più. Quindi il giudizio non è positivo». 

«Il dibattito sulla coalizione addormenta gli elettori e non serve. Non è di per sé la coalizione che segna la vittoria. È il candidato, il leader, il territorio che segna la sconfitta o la vittoria ai ballottaggi», continua. «Le coalizioni non sono l'argomento su cui intrattenere gli italiani per i prossimi 12 mesi. Quello che interessa loro è cosa facciamo sulle tasse. Le coalizioni affascinano gli addetti ai lavori, il modo con cui si risolvono i problemi è il nostro campo di gioco».

«Non si rimettono in discussione battaglie come quella sullo ius soli. Non si può cambiare idea per un sondaggio che dice che gli italiani sono meno favorevoli, tendenza che non è legata all'insicurezza sugli attentati. Non rinuncio a un'idea per un sondaggio, come non abbiamo rinunciato alla battaglia sui diritti civili, sul jobs act, sull'expo. Noi siamo capaci di prenderci le nostre responsabilità».

«Si potrebbe crescere di più ma siamo partiti da meno due e si torna a crescere. La differenza tra politici e populisti è che i populisti urlano mentre i politici ottengono risultati». «Sulla vicenda Consip ho perso molto consenso, è una vicenda enorme sul quale la verità chiarirà molte cose».

«Chi è che difende le prospettive dei più deboli? Non è chi si rinchiude nei salotti delle proprie certezze a esprimere un ragionamento politico che non segue più nessuno».

E sul caso Consip dice: «Ci scherzo, ma non c'è niente da scherzare: su questa vicenda ho perso molto consenso, le analisi indicano nella vicenda Consip uno dei problemi maggiori di perdita di consenso. Io la prendo sul ridere perché sono fatto così e penso sia sempre meglio sdrammatizzare. Ma questa vicenda è enorme, sulla quale non smetteremo di chiedere la verità». E ancora: «Su questa vicenda le indagini sono in corso. Noi diciamo con molta chiarezza che è giusto andare avanti fino in fondo nella ricerca della verità. Ma noi vogliamo anche sapere se qualcuno ha deciso di fabbricare delle prove false, contro il presidente del Consiglio. Quanto a me, io continuerò a dire ai miei figli quello che gli vado dicendo da mesi, ossia che devono avere fiducia». «Il Paese ha istituzioni solide e sane ma dico anche che se c'è qualcuno che ha sbagliato dovrà pagare, chi prova a fabbricare prove false deve risponderne», ha concluso Renzi.

Ultimo aggiornamento: 16:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’automobilista che da solo mette ko tram e ambulanza

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma