M5S, Toninelli: la Tav rimane va solo migliorata

Lunedì 23 Luglio 2018 di Stefania Piras
34
L'abbandono delle posizioni NoTav

Il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli sceglie il binario del pragmatismo: salva il treno veloce Torino-Lione. La Tav è un'opera «che abbiamo ereditato; quando è nata, se ci fosse stato il M5s al governo, non sarebbe mai stata concepita in questa maniera, così impattante, così costosa», ha detto Toninelli a Radio1 condannando «fermamente le proteste incivili soprattutto perché limitano l'espressione delle proteste civili». Alle proteste, va ricordato, partecipavano anche i 5 stelle con lo stesso Beppe Grillo che infatti nel 2014 ha subito una condanna a 4 mesi per violazione di sigilli. Stessa condanna fu inflitta ad Alberto Perino, carismatico leader del Movimento che si oppone alla Torino-Lione. Perino e M5S all'epoca erano sodali e compatti. Ora, molto meno. 

Perché? Perché lo stop alla Tav è stato esplicitamente eliminato dal contratto di governo M5S e Lega, per volontà del Carroccio. E infatti giorno dopo giorno, agenzia dopo agenzia, come su altre battaglie campali come quella sulla moneta unica, il Movimento abbandona progressivamente l'idea di fermare i cantieri di Chiomonte. 

Il nostro obiettivo, ha precisato il ministro, «sarà quello di migliorarla, così come scritto nel contratto di governo. Non vogliamo fare nessun tipo di danno economico all'Italia ma vogliamo migliorare un'opera che è nata molto male». Nel contratto non esiste l'espressione "migliorare la Tav". C'è piuttosto l'obbligo di valutare attentamente costi e benefici. Che vuol dire? Che la Tav non verrà bloccata per «non fare nessun tipo di danno economico», come dice il ministro pentastellato. 

 

Ultimo aggiornamento: 24 Luglio, 09:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il manuale dei viaggiatori per evitare i borseggiatori di Roma

di Mauro Evengelisti