Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Di Battista attacca il Quirinale: «Impeachment per Mattarella»

Di Battista insiste: il Quirinale non può mettere veti politici su un ministro
1 Minuto di Lettura
Sabato 26 Maggio 2018, 18:58 - Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 22:46

«Fino a prova contraria questa è una repubblica parlamentare, prima di tornare al voto tocca mettere in stato d'accusa il presidente per attentato alla costituzione. E badate bene, non lo facciamo a cuor leggero» perché abbiamo «sempre tutelato le istituzioni». Così Alessandro Di Battista, dal palco di Fiumicino, conferma l'indiscrezione sulla volontà dei 5 Stelle di chiedere l'impeachment per Il presidente Mattarella. Di Battista sottolinea di «essere sempre vicino a Luigi» Di Maio.

E ancora: «Berlusconi magari farà qualche telefonata per provare a comprarsi qualche parlamentare, lo ha sempre fatto», dice Di Battista parlando della possibile nascita di un governo Cottarelli. «Mattarella non vuole Savona ministro, ma riceve un pregiudicato per frode fiscale», dice Di Battista alludendo sempre a Silvio Berlusconi.

«Sono gli ultimi colpi di coda di politici morenti. Da qui ai prossimi mesi partirà la solita campagna, cercando di dare tempo a forze morenti di poter rinascere: hanno impedito a noi di governare. Avevano un piano già pronto e infatti hanno chiamato Cottarelli. Non si rendono conto e noi certo non prenderemo solo il 32 per cento. Ed ora sosteniamo Di Maio, coraggio», ha concluso Alessandro di Battista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA