Via gli 80 euro dalla busta paga, proposta del governo: da bonus a detrazione

Domenica 11 Ottobre 2015
18
Renzi a Porta a Porta
ROMA - Il bonus da 80 euro potrebbe cambiare forma e trasformarsi in detrazione, portando con sè un deciso alleggerimento della pressione fiscale.



LEGGE DI STABILITÀ: BONUS 80 EURO DA SPESA A DETRAZIONE Il Tesoro, a quanto si apprende, sarebbe pronto alla modifica da inserire in legge di stabilità.



Ad oggi i 10 miliardi di costo sono infatti classificati come prestazione sociale, una modalità che non fa scendere il peso del fisco e fa invece aumentare la spesa pubblica.



Il cambiamento presupporrebbe però una minima proporzionalità (si parla di pochi euro) del bonus in base al reddito.



SCATTI A SECONDA DEL REDDITO Il principio di proporzionalità della tassazione prevede inevitabilmente degli scatti a seconda del reddito, che quindi porterebbero il bonus a non essere più indistintamente uguale per tutti i lavoratori coinvolti (10 milioni), ma a variare di pochi euro, da 79 a 81 per esempio.



La trasformazione in sgravio avrebbe un effetto evidente sulla misura della pressione fiscale.



L'Istat continua infatti a classificare il bonus come prestazione sociale e a non considerarlo ai fini del calcolo del peso del fisco rispetto al Pil. Per il Tesoro invece la statistica della pressione fiscale andrebbe fatta prendendo in considerazione anche gli 80 euro, nati proprio come «bonus Irpef». Non a caso il quadro tendenziale contenuto nella Nota di aggiornamento del Def, considerando sia la disattivazione delle clausole di salvaguardia previste per il prossimo anno sia il bonus di 80 euro, prevede un calo della pressione fiscale dal 43,1% di quest'anno al 42,6% nel 2016.
Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 19:29

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma