Uccide figlia di 17 mesi costringendola a mangiare sale. Il motivo è scioccante

Domenica 29 Luglio 2018 di Alessia Strinati
18
Uccide figlia di 17 mesi costringendola a mangiare sale. Il motivo è scioccante
Voleva riavvicinarsi al marito a ogni costo e così Kimberley Martines ha ucciso la figlia di 17 mesi costringendola a mangiare una quantità letale di sale, al solo scopo di attirare l'attenzione del coniuge da cui si stava separando.

LEGGI ANCHE Bambino di 19 giorni trovato morto in casa, sul corpo i segni degli abusi dei suoi genitori



I fatti risalgono al luglio del 2016 quando la piccola fu trasportata all’ospedale Spartanburg medical center, in South Carolina, con febbre alta e convulsioni. Le analisi mostrarono subito l'elevata presenza di sale nel sangue che le ha causato il restringimento dei vasi sanguigni, oltre all’accumulo di liquidi nei polmoni, danni ai reni e che alla fine l'ha portata alla morte cerebrale.

I medici fecero il possibile per tenerla in vita: per 5 giorni la bimba è rimasta attaccata a dei macchinari, ma tutto è stato vano ed è deceduta nel letto dell'ospedale. La donna dichiarò alle autorità che la bambina aveva preso il sale mentre giocava con la sorella maggiore che le avrebbe lasciato a disposizione il sacchetto. La verità è poi emersa grazie alla bimba di 4 anni che ha detto alla polizia di aver visto la mamma dare il sale alla sorella. A quel punto Kimberley ha ammesso di aver fatto tutto per attirare l'attenzione del marito.

La donna è finita in carcere e in questi giorni è stata condannata a scontare 30 anni di detenzione, come riporta anche il Sun. La mamma è stata ritenuta colpevole dell'omicidio della sua figlia minore. La sorella maggiore e la gemellina della vittima sono state invece date in affido. Ultimo aggiornamento: 2 Agosto, 13:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, domani all’Olimpico contro il CSKA: il successo è obbligatorio

di Ugo Trani