Sydney, sventati attentati dell'Isis su un jet di linea e luoghi pubblici

Sydney, sventati attentati dell'Isis su un jet di linea e luoghi pubblici
1 Minuto di Lettura
Venerdì 4 Agosto 2017, 13:07 - Ultimo aggiornamento: 21 Agosto, 16:08

Un sospetto terrorista ha cercato di introdurre una bomba su un aereo della Etihad Airways a Sydney nascondendola in una valigia che il fratello, apparentemente ignaro dell'ordigno nel bagaglio, avrebbe dovuto portare a bordo del velivolo: lo scrive oggi la Bbc online, che cita la polizia australiana. L'episodio risale al 15 luglio scorso ed entrambi i fratelli sono stati arrestati sabato: se riconosciuti colpevoli rischiano fino all'ergastolo. Il previsto attentato, spiega la Bbc, è stato abortito all'ultimo minuto e la valigia con l'esplosivo non è mai passata attraverso i raggi X dei controlli aeroportuali.

Il fratello del sospetto terrorista, infatti, è salito sull'aereo - la cui destinazione non è stata resa nota - senza il bagaglio. Secondo la polizia l'ordigno era stato costruito con componenti arrivate dalla Turchia attraverso una spedizione con un aereo cargo organizzata da un membro dell'Isis. Dopo il fallimento dell'operazione, i due fratelli hanno cominciato a lavorare ad un altro piano che prevedeva la realizzazione di un ordigno chimico a base di solfuro d'idrogeno da far esplodere in un luogo pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA