Guinea, liberati due italiani detenuti dal 2015: domani arriveranno a Fiumicino

di Michela Allegri
»Erano in carcere dalla primavera del 2015, in due Guinea Equatoriale. Ora, Fabio e Filippo Galassi, padre e figlio, sono stati liberati e sono in viaggio verso l'Italia. Domani arriveranno all'aeroporto di Fiumicino. «Fabio e Filippo Galassi sono appena usciti dal carcere. Ringrazio il Governo della Guinea Equatoriale per il gesto umanitario. Ora li aspettiamo sani e salvi in Italia», scrive in un tweet il ministro degli Esteri e della Cooperazione internazionale, Angelino Alfano, sull'account ufficiale della Farnesina. Padre e figlio, di 63 e 25 anni, scontavano una pena per reati fiscali ed erano al centro di una controversa vicenda giudiziaria. Fabio era stato condannato a 33 anni, mentre Filippo a 21. «Ringrazio Luigi Vignali, responsabile dell'unità di crisi della Farnesina, per quello che ha potuto fare. Per noi è una grande vittoria, in Guinea hanno ottenuto l'indulto e ora stanno tornando a casa», dichiara l'avvocato Massimiliano Sammarco, dello studio legale Benigni&K, che dal 2017 segue la vicenda dei Galassi.

I Galassi si trasferiscono nel 2010 nel paese centroafricano, governato dal 1979 da Teodoro Obiang. In Guinea, lavorano come dipendenti della società "General Work". Nella primavera del 2015 vengono arrestati con l’accusa di voler fuggire dal paese con soldi sottratti all'azienda e al governo. In realtà, Fabio ha dei documenti che lo scagionano. Padre è figlio trascorrono due mesi nel carcere di Bata. Nel gennaio 2016 vengono condannati dalla Corte suprema guineana per reati fiscali, riciclaggio e bancarotta fraudolenta. Contestazioni simili erano mosse anche a un loro collega, che ha lavorato come responsabile delle risorse umane per la General Work dal febbraio 2012 al marzo 2015. Il 24 giugno 2015 anche lui era stato arrestato dalla polizia guineana, poi era stato totalmente scagionato. «La polizia li considera responsabili della crisi dell'azienda, ma nè Fabio nè Filippo erano nel consiglio di amministrazione della General Work», ha dichiarato.

 
Giovedì 8 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 10-03-2018 11:26

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-03-08 19:14:10
Ho seguito la vicenda perchè conoscevo personalmente Fabio da quando eravamo ragazzi al Plinio Seniore. Non ho elementi per giudicare il livello di responsabilità e di colpa delle sue azioni. Una cosa è certa che tirarlo fuori dal carcere dopo una condanna a 33 anni in un Paese dove la corruzione regna sovrana è un grande successo della Farnesina. Teniamo conto che in quel Paese impera un dittatore bilioso da 39 anni che con i suoi amici e parenti occupa tutte le attività economiche del Paese e da quel che ho potuto capire i Galassi lavoravano per una società dove vi era un familiare del dittatore come partner. Secondo me gli è andata di lusso se dopo tre anni sono usciti; per come erano messi (senza garanzie di democrazia) gli sarebbe potuto accadere di tutto. Un sentito BENTORNATI ai due connazionali e un BRAVI alla unità di crisi della Farnesina.
2018-03-08 18:35:56
che la giustizia italiana impari.
2018-03-08 18:03:22
piu che ringrazia il governo della guinea dovreste ringrazia il governo italico che certamente ha pagato qualche spicciolo
2018-03-08 18:02:38
sembra la storia dei tre in mexico
2018-03-08 14:51:33
Ovviamente, dagli addosso allo straniero!
6
  • 373
QUICKMAP