Bimbo ferito a Disneyland fuori pericolo. Chiusa attrazione Pirati Caraibi

Giovedì 31 Ottobre 2013

E' fuori pericolo il bambino rimasto gravemente ferito ieri a Disneyland Parigi, travolto da una macchina dell'attrazione Pirati dei Caraibi. La dinamica dell'incidente, secondo fonti dell'inchiesta, rivelerebbe che il piccolo si è «alzato troppo presto» dalla vettura con la quale si percorrono le varie animazioni della "giostra", contravvenendo alle «consegne impartite» attraverso l'altoparlante ai passeggeri.

«Colpa del bambino». Il bambino, un francese di nome Iban, 5 anni, soffre di «compressione toracica» ma non è più in pericolo di vita. Si trovava con il padre in una delle navette di «Pirati dei Caraibi» quando è avvenuto l'incidente, attorno alle 16: «secondo i primi accertamenti - rivela una fonte dell'inchiesta - la colpa è del bambino, che si è alzato troppo presto», lasciando il sedile «mentre l'imbarcazione non era ancora ferma». E ciò «nonostante i messaggi che invitano i visitatori a restare seduti fino al fermo completo delle vetture».

Incastrato fra la navicella e la parete. A quel punto, Iban è scivolato e si è trovato incastrato fra la navicella e la parete dell'attrazione. Il padre e gli addetti di Disneyland lo hanno rapidamente liberato. «Pirati dei Caraibi», una delle attrazioni più famose del parco di divertimenti, resta chiusa fino a nuovo ordine.

Ultimo aggiornamento: 1 Novembre, 17:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA