Ufficiale e gentildonna: è Serena Melani la prima comandante di una nave da crociera

Giovedì 25 Febbraio 2016 di Luisa Mosello
Serena Melani al comando della nave Seven Seas Mariner  (Themeditelegraph)

Ufficiale e gentildonna.  Serena Melani il fascino della divisa più che subirlo lo suscita. Soprattutto in quello che è ufficialmente il suo equipaggio. Sì perché questa trentacinquenne toscana, livornese, è la prima donna italiana a comandare una nave passeggeri. La prima ad essere stata promossa comandante sulle navi da crociera del gruppo Norwegian Cruise Line. Fino ad ora il gentil sesso era stato “relegato”, anche se con molto onore, ai cargo, ma non alle flotte di crocieristi a caccia di emozioni a pelo d’acqua. Invece Norwegian ha puntato e scommesso sul comando in rosa e ha affidato a Serena, che con il suo nome sembra essere già una garanzia,  la Seven Seas Mariner, di Regent, che trasporta 700 passeggeri-ospiti ed è una nave doc, per crociere di lusso, da ben 48 mila tonnellate.
 

Lunga la carriera alle spalle della Melani, nonostante la sua giovane età . Cadetta già a 16 anni, si è diplomata all’istituto nautico nel 1993. E cinque anni dopo si è imbarcata sulle petroliere, quando alla fine degli anni 90, non c’era affatto parità di genere nel settore navale, prerogativa quasi esclusiva degli uomini. Poi la “virata” verso le navi da crociera su cui diventa in brevissimo tempo primo ufficiale (Safety Officer e Chief Officer) nella flotta Carnival. Ultima tappa, prima della promozione al comando, l’approdo, appunto, nella Regent  avvenuto nel 2010. Pochi anni ed ecco che prende il timone della Seven Sea. Saldamente. Come (anche) una grande donna può e sa fare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA