Riina, il tribunale di sorveglianza rifiuta la scarcerazione

Mercoledì 19 Luglio 2017
8

Il tribunale di sorveglianza di Bologna ha rigettato la richiesta di differimento pena o, in subordine, di detenzione domiciliare presentata dai legali del boss Totò Riina. I giudici hanno riunito due procedimenti, decidendoli insieme. Riina quindi resta detenuto al 41bis nel reparto riservato ai carcerati dell'ospedale di Parma. Alla richiesta dei legali, motivata da ragioni di salute del boss, si è opposto il pg di Bologna Ignazio De Francisci.

«Totò Riina rimane in ospedale ma è una ordinanza ampiamente ricorribile, e come tale sarà oggetto di ricorso». Lo dichiara il legale di Toto Riina, avvocato Luca Cianfaroni.

«Io non mi pento...a me non mi piegheranno» e «io non voglio chiedere niente a nessuno ... mi posso fare anche 3000 anni no 30 anni». Così Totò Riina si è rivolto alla moglie Antonietta Bagarella in un colloquio video-registrato avvenuto lo scorso 27 febbraio. Le parole del dialogo, «nel contesto di uno scambio di frasi su istanze da proporre», scrivono i giudici, sono nell'ordinanza con cui la Sorveglianza ha rigettato l'istanza del boss di Cosa Nostra.

Per i giudici è «degno di nota» il fatto che Riina asserisca che «non si piegherà e non si pentirà mai». E «altrettanto significativo» è un passaggio durante il quale i coniugi «giungono ad affermare che i collaboratori di giustizia vengono pagati per dire il falso». Di seguito è riportata la trascrizione del dialogo. Riina: 'sono stato io... non è che siamo! Facciamo finta che eravamo insieme... non e che non lo sanno!... Lo sanno che eravamo sempre qua con questo direttore! Io non ho fatto niente e non so niente e quello... Brusca...' Bagarella: 'ma tu lo sai che quelli prendono soldi quando dicono queste cose?' Riina: 'certò Bagarella: «e allora... più se ne inventano e più sono pagatì Riina: 'hanno... esatto...' Bagarella: 'Non è che è gratis quando lui dice queste cose che non esistono e perciò! Eh perciò ci vivono tutti! È così'.

Ultimo aggiornamento: 20 Luglio, 18:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma