Ischia, cerca refrigerio con un tuffo in mare: muore d'infarto

Lunedì 30 Luglio 2018 di Massimo Zivelli
la spiaggia di Punta Molino, deserta dopo il recupero del cadavere in mare

E' rimasto vittima del caldo eccessivo di questi giorni, Gerardo Sorrentino un 58enne residente a Bacoli, rimasto fulminato da un infarto mentre stava nuotando a poche decine di metri dal litorale di Ischia. L'uomo, un operaio che si trovava per lavoro a Ischia e si era voluto concedere un tuffo rinfrescante dopo una giornata di duro lavoro, ha avuto un improvviso malore mentre si stava godendo la nuotata in una zona di mare compresa fra il lido del Punta Molino ed il Bagno Antonio. E purtroppo per lui - stando alle testimonianze raccolte dai soccorritori - in quel momento si era allontanato dalla riva da solo e quindi non c'era nessuno che lo potesse aiutare quando il cuore - probabilmente provato dal gran caldo di queste giornate -  ha ceduto provocandogli un mortale arresto cardiaco.

La morte è sopravvenuta in pochi attimi per annegamento e solo dopo alcuni minuti, verso le 17:30, alcuni bagnanti si sono accorti del corpo inerte in acqua. La salma è stata recuperata dagli uomini della Guardia Costiera di Ischia, ma solo un paio di ore dopo è stato possibile identificarla. Il corpo dell'uomo verrà trasportato domattina all'istituto di medicina legale dell'Università, per l'esame autoptico che dovrà confermare le cause naturali del decesso.
 

Ultimo aggiornamento: 2 Agosto, 13:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA