Zona gialla: Lazio, Sicilia e Sardegna a rischio (cambio colore possibile già a fine agosto)

Zona gialla: Lazio, Sicilia e Sardegna a rischio (cambio colore possibile già a fine agosto)
3 Minuti di Lettura
Venerdì 30 Luglio 2021, 16:20 - Ultimo aggiornamento: 31 Luglio, 00:37

ROMA I parametri sono cambiati. Per cambiare il colore di una regione non si farà più riferimento all’indice dei contagi (Rt), ma contano le ospedalizzazioni, i ricoveri, in terapia intensiva e nei reparti normali. L’obiettivo - e anche la speranza legata alla grossa spinta che viene data alla campagna di vaccinazione - è quello di far passare l’estate prima di costringere qualche regione a nuove restrizioni. Ci sono però un paio di regioni, Sicilia e Sardegna, seguite dal Lazio, che viaggiano non solo ben oltre i 50 casi settimanali per 100 mila abitanti, ma hanno una percentuale di ricoveri che si sta avvicinando pericolosamente al tetto fissato di recente dal governo per far scattare la zona gialla. E che con questo trend potrebbero sforare nella seconda parte di agosto.

Variante Delta, Brusaferro (Iss): «Infezione cresce, traina fascia giovani tra 10 a 29 anni»

Sicilia, Sardegna e Lazio regioni a rischio

Nelle due isole la percentuale dei vaccinati è fortemente sotto la media nazionale e forse questo - a dispetto delle teorie No vax - spiega qualcosa. La Sicilia ha ora quasi il 5% delle terapie intensive occupate e l’8% nei reparti normali. La Sardegna non è da meno e viaggia al 4,2% di occupazione nelle rianimazioni e 4,4%  in area medica . Il Lazio è poco sotto (3,7%) in rianimazione e 4% nei reparti.

 

I numeri in salita

Dati ancora sotto la soglia del 10% ma preoccupa la corsa veloce che di giorno in giorno avvicina almeno di un punto percentuale alla zona gialla. Se il trend dovesse confermarsi per tutte e tre c’è il rischio di finire in zona gialla a fine agosto e magari di rimanerci per via dei tanti che faranno ritorno a casa dai luoghi di vacanza. In Italia la media nazionale è al 2% per le intensive e al 3% per l’area medica.

Le altre Regioni in bilico

In difficoltà anche la Calabria e la Toscana. Nella prima siamo al 6,6% di posti occupati in area medica e 3,3% in terapia intensiva. In Toscana la percentuale è salita negli ultimi giorni con un 3,3% di posti occupati nelle rianimazioni.

L'incidenza della variante Delta

Ovviamente a farla da padrona in tutte queste ospedalizzazioni è la variante Delta. Secondo i dati forniti dalla regione Lombardia la variante Delta ha infettato per il 62% i non vaccinati, per il 29 i vaccinati con una sola dose e l’8% i vaccinati con due dosi da almeno 14 giorni. Inoltre nessun decesso tra i vaccinati anche se contagiati.

La preoccupazione dell'Iss. «Oggi è difficile fare previsioni ma con gli ulteriori dati sull'Rt la prossima settimana potremo avere un quadro più definito». È quanto hanno dichiarato Silvio Brusaferro e Gianni Rezza nel corso della conferenza stampa sui dati del monitoraggio. «Determinanti, però - hanno concluso - sono i nostri comportamenti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA