Venezia, al via la Soft Power Conference. Rutelli: «Imprese globali per ridurre disuguaglianze»

Venezia, al via la Soft Power Conference. Rutelli: «Imprese globali per ridurre disugiaglianze»
4 Minuti di Lettura
Giovedì 27 Agosto 2020, 20:09

Il Soft Power Club, associazione internazionale fondata da Francesco Rutelli, si riunirà a Venezia per il suo primo appuntamento pubblico il 31 agosto e il primo settembre. I lavori saranno aperti da un messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. I dibattiti si svolgeranno con tutte le precauzioni necessarie in tempo di Covid e con diversi interventi in collegamento da remoto. «L'iniziativa intende rilanciare il Soft Power - afferma Francesco Rutelli - come strumento di promozione degli interessi delle nazioni e di dialogo e collaborazione multilaterale. Sono sempre più importanti il ruolo della cittadinanza nell'età digitale per non soggiacere alle manipolazioni; quello di imprese globali che operino per la trasparenza, per ridurre le disuguaglianze e promuovere diversità e inclusione; quello della creatività e delle industrie culturali per promuovere apertura e ridurre conflitti». 

Il Club ha ricevuto l'adesione di prestigiose personalità della cultura, del mondo imprenditoriale e di istituzioni a livello internazionale - ha detto il sindaco di Venezia e Presidente Onorario del Club, Luigi Brugnaro - avrà la propria sede di elezione in città in ragione dei suoi caratteri universali, come luogo plurimillenario di incontri e scambi, e di riconosciuta piattaforma per il dialogo internazionale». I membri del Club sono: HH El Hassan Bin al Talal, Crown Prince di Giordania; Irina Bokova, già Direttore Generale dell'Unesco; Lord John Browne, manager, Presidente del Crick Institute e del Courtauld Institute of Art, Londra; Yuan Ding, Vice Presidente e Dean della China Europe International Business School di Shanghai; Philippe Donnet, Amministratore Esecutivo, AD e CEO del Gruppo Generali; Amitabh Kant, CEO della National Institution for Transforming India; Cecilia Malmström, già Commissario UE per gli Affari Interni e per il Commercio; Carlo Mazzi, Chairman e Direttore Esecutivo di Prada Spa; Webber Ndoro, Direttore Esecutivo dell'Iccrom, Agenzia mondiale per la Conservazione dei monumenti; Charles Rivkin, Presidente e CEO di Motion Picture Association (Hollywood-Washington); Ana Luiza Massot Thompson-Flores, Direttore dell'Unesco Regional Bureau per la Scienza e la Cultura in Europa; Juan Ignacio Vidarte, Fondatore e Direttore Generale del Guggenheim Museum Bilbao.

La riunione del Club si terrà il primo settembre dalle 15.30, presso la Fondazione Giorgio Cini all'Isola di San Giorgio Maggiore (Sala degli Arazzi) sul tema: 'Towards an effective and pragmatic multilateralism in a post-Covid scenario: how to build trust among Nations and what is the role of global organizations, business and citizens in shaping a new Soft Power approach?'. A dare il benvenuto agli ospiti sarà Giovanni Bazoli, presidente della Fondazione Giorgio Cini. Introdurrà Francesco Rutelli, interverranno Luigi Brugnaro, Sindaco di Venezia, Dario Franceschini, Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, e Roberto Cicutto, presidente de La Biennale di Venezia. Parteciperà in diretta da Bruxelles David Sassoli, presidente del Parlamento Europeo. Interverranno i componenti dello Steering Committee ed un numero selezionato di ospiti, moderati dall'Amb. Stefano Stefanini, Direttore Project Associates, Bruxelles. Dopo la lettura del Messaggio del Presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberti Casellati, sono previsti gli interventi di Matteo Lunelli, Presidente di Altagamma, e di Luca Bergamo, Vice Presidente della Commissione Cultura Uclg (United Cities and Local Governments).

Il 31 agosto dalle ore 16, sempre presso la Fondazione Giorgio Cini, si terrà un side event a cura dello Ied di Bruxelles (Institute of European Democrats) su un tema di grande importanza anche per Venezia: 'Climate change and sea level rise: potential disruption and possible solutions. The role of Europè. Ospite d'onore, in videomessaggio da Bruxelles, il Commissario UE per l'Economia, Paolo Gentiloni. Dopo l'introduzione di Francesco Rutelli e il benvenuto di Pasquale Gagliardi, segretario generale Fondazione Giorgio Cini, interverranno: Pierpaolo Campostrini, direttore Corila, Erasmo D'Angelis, segretario generale Autorità di bacino Appennino Centrale, Alessandro Lanza, docente Luiss e membro Cda Enea, Antonio Navarra, presidente Centro EuroMediterraneo sui Cambiamenti Climatici, Alessandro Codello, fisico teorico, Yann Wehrling, ambasciatore francese incaricato dell'Ambiente (Ministero dell'Europa e degli Affari Esteri). Il primo settembre dalle 11 presso la Fondazione Prada- Cà Corner della Regina, Canal Grande, si terrà lo Special Event co-organizzato con Prada: 'Shaping a sustainable multilateralism. Come le industrie della moda possono contribuire ad uno sviluppo sostenibile'. 

Dopo i saluti iniziali di Carlo Mazzi, presidente Prada, e l'introduzione di Francesco Rutelli interverranno: Simone Venturini, Assessore allo Sviluppo Economico e alla Coesione Sociale del Comune di Venezia, Stefano Patuanelli, Ministro per lo Sviluppo Economico, Carlo Maria Ferro, Presidente Ice, Maria Rosa Cutillo, Chief of Strategic Partnership Unfpa, Matteo Lunelli, Presidente Fondazione Altagamma, Ana Luiza M. Thompson Flores, Direttore ufficio Unesco per la Scienza e la Cultura in Europa, Marzio Galeotti, professore di Economia Politica dell'Università di Milano, Yann Wehrling. Modera Clara Tosi Pamphili, storica delle Arti Applicate.  La prima Soft Power Conference, con il Patrocinio Istituzionale di Altagamma, è stata realizzata con il supporto del Comune di Venezia, in collaborazione con Prada spa e la Fondazione Giorgio Cini, il sostegno di CB&Partners e di 4hearths Ethical Investment Fund. Manuela Cacciamani (Direct2Brain, membro dello Steering Committee) ha assicurato il supporto per i contenuti digitali. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA