Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fitoussi, morto a Parigi l'economista francese: aveva 79 anni, era anche docente alla Luiss

Era professore emerito di SciencesPo

Fitoussi, morto a Parigi l'economista francese: aveva 79 anni
2 Minuti di Lettura
Venerdì 15 Aprile 2022, 10:31 - Ultimo aggiornamento: 10:53

È morto questa notte a Parigi l'economista francese Jean-Paul Fitoussi, aveva 79 anni. Lo si è appreso dai suoi familiari. Professore emerito di SciencesPo, di cui aveva creato il dipartimento di Economia, era anche docente alla Luiss di Roma e membro del Center for Capitalism and Society delle Columbia University.

Covid-19, Fitoussi: «Coronabond meglio di nulla, ma non bastano. La recessione? Sarà profonda»

Keynesiano, attento osservatore dell'attualità economica, politica e sociale, fondatore e a lungo direttore dell'Osservatorio francese delle congiunture economiche, aveva diretto con i Nobel Joseph Stiglitz e Amartya Sen la Commissione per le performance economiche e il progresso sociale, che nel settembre 2009 aveva proposto nuovi indicatori più adatti del Pil per determinare il livello di benessere delle popolazioni. Fitoussi conosceva e amava l'Italia, del periodo trascorso a Firenze, all'Istituto di Studi Europei di Fiesole, diceva che era stato «uno dei più belli della sua vita».

«La fede nell'Europa federale e solidale, la critica alle politiche di bilancio basate su parametri rigidi, il sostegno alle misure espansive come motore per la crescita e strumento anti-disuguaglianze, l'analisi mai banale della crisi delle democrazie liberali. Con Jean-Paul Fitoussi se ne va oggi non solo un economista vivace e coraggioso, docente emerito all'Istituto di studi politici di Parigi e professore alla Luiss, ma un amico di tante battaglie e dell'Italia». Così in una nota Renato Brunetta, ministro per la Pubblica amministrazione. «È un giorno triste. Addio Jean-Paul, compagno di strada. Ci mancherai moltissimo», conclude Brunetta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA