Covid 19 a Fiumicino, altri 13 positivi tra gli equipaggi negli hotel

Venerdì 3 Aprile 2020 di Mirko Polisano e Umberto Serenelli
​Covid 19 a Fiumicino, altri 13 positivi tra gli equipaggi negli hotel

Altri 13 contagiati tra gli equipaggi ospitati negli hotel di Fiumicino. Si tratta di sei marinai indiani del gruppo sbarcato dalla crociera di Msc e alloggiati al Golden Tulip di Isola Sacra, e di altri sette membri dell'equipaggio della Costa crociere di russi e ucraini arrivato da Miami e ospite presso un albergo di via Portuense. A questi si aggiunge il caso dei 73 indonesiani, tra cui 32 anche loro con test Covid-19 positivo.

LEGGI ANCHE Coronavirus. Roma, 45 nuovi contagiati in un giorno (-10): 114 inclusa la provincia. Nel Lazio 167 casi. Continua il trend in calo

Per i due equipaggi sono arrivati gli esiti dei tamponi richiesti alla Asl Rm3. «Purtroppo oggi abbiamo saputo che 13 persone sono risultate positive - spiega il sindaco di Fiumicino, Montino - Comunque, dobbiamo chiarire che nessuno dei membri dei due equipaggi è uscito dagli hotel in questi giorni e di conseguenza non c'è stato alcun contatto con persone del posto. Nell'albergo ci sono anche altri ospiti stranieri che sono stati visti uscire e che non hanno nulla a che fare con i membri dell'equipaggio».

LEGGI ANCHE --> Covid-19, bonus 100 euro per chi va a lavorare: ecco come averlo in busta paga

In realtà, da alcuni giorni, i residenti vicino all'albergo in cui risiedono gli indiani lamentano la presenza in strada di persone straniere che hanno poi collegato ai dipendenti delle compagnie di navigazione. «Non abbiamo la certezza che siano i membri degli equipaggi dice Sergio Rustichelli, un negoziante di Fiumicino però chiediamo maggiori controlli sugli ospiti che escono dall'albergo. Noi residenti siamo costretti a restare in casa e soprattutto siamo soggetti a giusti controlli se lasciamo le abitazioni. Vogliamo continuare a vivere tranquilli». In tema di controlli, davanti agli hotel, ieri mattina, erano presenti i vigilantes delle compagnie di navigazione proprio per impedire a qualche furbetto di lasciare la stanza e andare a spasso. Nel pomeriggio le cose però sono precipitate perché davanti all'ingresso delle strutture ricettive è arrivata anche la polizia, preludio alla notizia dei 13 marittimi infettati che è arrivata in serata. Per le due strutture alberghiere è scattato il presidio sorvegliato a causa dei 13 casi di Covid-19: controlli anche della polizia locale. «Nessuno deve più sbarcare dalle navi senza il nulla osta sanitario che ne confermi la negatività al covid-19 - chiedono dal comune di Fiumicino - E nessuno deve sbarcare senza la certezza di un volo pronto a partire».
 

Ultimo aggiornamento: 17:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani