Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scuola, la proposta di Zaia per il ritorno in classe in Veneto: «Test fai da te gratis agli studenti una volta alla settimana»

Zaia: tamponi nelle scuole
3 Minuti di Lettura
Martedì 4 Gennaio 2022, 08:42 - Ultimo aggiornamento: 15:31

VENEZIA - «Lo dico subito e con chiarezza: nessuno aspira a tenere chiuse le scuole. Sarebbe una sconfitta per tutti, per ragioni ideali e pratiche, perché conosciamo bene le difficoltà che vivono le famiglie con ragazzi e bambini a casa. Ma ci vuole l'onestà intellettuale di avvisare i cittadini: se i dati epidemiologici dovessero peggiorare, l'ipotesi dello slittamento della data del ritorno in classe è sul tavolo e andrà valutata con attenzione dalle autorità scientifiche».

A dirlo il governatore Luca Zaia in una intervista al Corriere della Sera ricordando che il Veneto fece questa scelta l'anno scorso. Si rivelò una scelta «giusta» rivendica Zaia, «eravamo in zona rossa, sull'orlo del precipizio, e facemmo un passo indietro». Sul calendario scolastico, Zaia, ad ogni modo, auspica «una regia nazionale» e poi ripete «tifiamo tutti per la ripartenza il 10 gennaio, ma se ce lo consigliassero gli scienziati, non sarebbe una tragedia rinviare all'inizio di febbraio». Il governatore chiede al Governo di «valutare l'introduzione dell'automonitoraggio a scuola, a partire dal primo giorno di rientro e fino alla fine dell'emergenza, come già fanno Israele e Gran Bretagna». Si realizzerebbe «consegnando a tutti gli studenti, una o due volte alla settimana, un kit per il test fai da te, da eseguire in classe con compagni e insegnanti, sempre su base volontaria. Sappiamo che i sintomi di Omicron compaiono nell'arco di 5 giorni: in questo modo riusciremmo ad intercettare i positivi prima che il contagio dilaghi». Quanto all'età, Zaia lascia sia il Cts nazionale a stabilirlo. «I fai da te - aggiunge - sono ormai entrati nella quotidianità di milioni di italiani, li consiglia anche l'Ecdc, autorità riconosciuta da tutti gli Stati, e sono l'unico modo per eseguire uno screening di massa alla ripresa delle lezioni». E una volta trovato un positivo che si fa? «Crediamo che soprattutto alle superiori, dove il tasso di vaccinati è molto alto, sia possibile immaginare nuovi modelli di coesistenza tra gli studenti facendo leva sull'immunità di gregge. Non posso dire di più, è un'ipotesi che stiamo studiando e andrà condivisa con le altre Regioni», conclude.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA