Mette vodka nel biberon del figlio di 8 mesi, poche ore dopo il piccolo muore

Martedì 15 Gennaio 2019 di Alix Amer
Mette vodka nel biberon del figlio di 8 mesi, poche ore dopo il piccolo muore

Una giovane mamma, Nadezhda Yarych, è indagata per aver fatto ingerire al figlio di otto mesi della vodka. Ma l'accusa più grave è quella di averne provocato la morte (il 5 gennaio scorso). Tutto è iniziato una settimana prima: la donna aveva portato per ben quattro volte il piccolo Zakhar all'ospedale di Shebekino, nella regione occidentale della Russia, più precisamente Belgorod Oblast. I medici avevano da subito riscontrato un'infezione virale e per questo volevano ricoverarlo per tenerlo sotto osservazione. Ma lei ogni volta si è rifiutata. E così alla fine è tornata a casa, e per non essere infastidita dal pianto, gli dato della vodka nel biberon.

Federica morta a Roma per choc anafilattico: nel suo drink c'era del latte
 

In quei giorni aveva le ferie e quella sera "voleva festeggiare senza essere disturbata", hanno riportato i media locali dopo aver ascoltato alcuni parenti della donna. E sempre fonti vicine alla famiglia hanno riferito al quotidiano Yarych che "non voleva trascorrere il periodo delle vacanze in ospedale con il suo bambino, non pensava si trattasse di una cosa grave". Una storia che ha sconvolto l'intera comunità di Shebekino. La polizia da subito ha fiutato che qualcosa non tornava sulla fine del piccolo Zakhar e così le indagini si sono subito concentrate sulla madre e suo marito, Mikhail Yarych, che è il patrigno del bambino. Ora sono entrambi indagati con accuse diverse: lei per aver provocato la morte di suo figlio, lui perché era a conoscenza del folle gesto e non ha fatto nulla per evitarlo.

Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio, 09:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il Campidoglio e la stanza dei dossier “rimandati”

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma