Julen, l'accusa del proprietario del pozzo: «Colpito in testa dalla sonda dei pompieri»

Sabato 2 Marzo 2019 di Alix Amer
3

Ancora non c’è pace per il piccolo Julen, caduto nel pozzo il 13 gennaio scorso a Totalan, una località vicino a Malaga, in Spagna. E stato trovato senza vita 13 giorni dopo aver tento l’impossibile. Il piccolo era caduto in quel buco mentre giocava in una zona dove i genitori stavano facendo un picnic. Accanto al luogo della tragedia erano stati ritrovati il sacchetto dei dolci che il bimbo aveva in mano ed un ciuffetto di capelli. I soccorritori hanno lavorato giorno e notte per salvarlo, ma non ci sono riusciti. Oggi al centro delle polemiche ci sono proprio loro: i vigili del fuoco. Sono stati incolpati per la morte del bambino dal proprietario del terreno dove era presente il pozzo. Il suo avvocato ha presentato una indagine effettuata da tecnici per spiegare che Julien sarebbe stato colpito alla testa dalla sonda manovrata da loro e che gli avrebbe persino strappato alcuni capelli. Sempre secondo l’avvocato il bambino nel precipitare in quel buco non avrebbe potuto sbattere da nessuna parte vista la dimensione ridotta dello spazio.
 

 

Il proprietario della terra, David Serrano, dopo essere stato accusato di omicidio per negligenza, si difende. E si dichiara non colpevole «mai avrei pensato che un bambino potesse cadere in quello spazio così stretto, tecnicamente un pozzo trivellato. Sopra quel buco c’erano posizionati due mattoni di cemento per impedire a chiunque di calpestarlo». L’avvocato di Serrano, Antonio Flores, ha presentato un rapporto dove spiega che Julen «non è morto a causa della caduta, ma a causa delle azioni dei vigili del fuoco». Il quotidiano spagnolo El Mundo ha riferito che l’indagine afferma che nel primo filmato dell’operazione di salvataggio, scattata da un robot nel pozzo il 13 gennaio, si può vedere che la spina di sabbia sopra la testa del bambino ad una profondità di circa 239 piedi è materiale non compatto. L’avvocato di Serrano ha poi aggiunto: «È impossibile che il piccolo abbia potuto sbattere la testa mentre cadeva dritto in piedi. L’impatto dello strumento, invece, potrebbe aver causato il trauma provocando la morte». Ha poi sottolineato che il papà di Julien ha sentito piangere per 30 secondi, dopo la caduta. E sempre nel rapporto c’è scritto: «Il fatto che dopo aver tolto la sonda otto capelli del bambino si trovassero attaccati allo strumento, spiega esattamente quello che è accaduto». L’avvocato ha chiesto ulteriori indagini sulle circostanze della morte di Julien che è rimasto nei cuori di tutti.

Ultimo aggiornamento: 16:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma