Gallipoli, la prima lunga notte del green pass: controlli per l'accesso a club e disco

Gallipoli, la prima lunga notte del green pass: controlli per l'accesso a club e disco
2 Minuti di Lettura
Venerdì 6 Agosto 2021, 10:03 - Ultimo aggiornamento: 7 Agosto, 15:28

La prima lunga notte del green pass. Il certificato verde è obbligatorio da oggi per l'accesso a ristoranti al chiuso, palestre, piscine e musei, ma la data del 6 agosto, come promesso dal governo, è solo la prima tappa della road map che renderà sempre più stringente l'uso del certificato verde. Il pass serve, quindi, anche in zona bianca per accedere a tutti i luoghi dove si rischia l'assembramento: bar e ristoranti al chiuso; cinema, teatri e musei; piscine, centri natatori, palestre, centri benessere «anche all'interno delle strutture ricettive»; centri termali, parchi tematici e di divertimento, discoteche; centro culturali, centro sociali e ricreativi; sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò; sagre, fiere e convegni.

I controlli

Ieri sera a Gallipoli primi test per i controlli del green pass per l'accesso alle discoteche (che lavorano solo con cene spattacoli) e ai club del Salento. Giovani muniti di green pass, per chi si è già vaccinato, o esito del tampone negativo che deve essere stato effettuato entro le 48 ore precedenti. Accesso vietato a chi non ha il certificato verde. 

Riobò e Praja hanno messo in campo tutte le misure di controllo e sicurezza, nell'hub di Baia Verde - area antistante la Praja ingresso Amamé - anche la possibilità di effettuare il tampone a 10 euro, prezzo convenzionato con il progetto "Notti sicure".

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA