Roland Garros: a Parigi si ferma al primo turno l'avventura di Giulio Zeppieri battuto in tre set dal polacco Hurkacz

Il tennista di Latina Giulio Zeppieri sulla terra rossa del Roland Garros "Open di Francia"
di Andrea Gionti
2 Minuti di Lettura
Martedì 24 Maggio 2022, 21:46

Ci ha provato Giulio Zeppieri ma non è bastato. Il 20enne mancino di Latina, n.216 ATP, promosso dalle qualificazioni, ha ceduto oggi nel primo turno del tabellone principale del Roland Garros "Open di Francia" al polacco Hubert Hurkacz, n.13 del ranking e 12 del seeding, mai affrontato in carriera. Il 25enne di Wroclaw si è imposto in tre set (7-5, 6-2, 7-5) dopo 2 h e 5'. Il Next Gen azzurro è partito senza timori reverenziali e per tutto il primo parziale è rimasto attaccato al polacco: dopo aver annullato con determinazione una palla-break nel settimo gioco, non è riuscito a ripetersi nell’undicesimo ed Hurkacz ne ha approfittato per chiudere sul 7-5. Nel secondo "Zeppo" ha accusato il colpo cedendo nuovamente la battuta all'atleta dell'Est, che con il quinto game di fila è salito 2-0 prima di volare rapidamente 6-2. Nel terzo set, infine, l'atleta di scuola pontina (è cresciuto sui campi del Capanno di Latina con lo storico maestro Piero Melaranci) ha ritrovato schemi e lucidità tornando a rendere difficile la vita al polacco di Wroclaw: nel nono gioco ha annullato una delicata palla-break (5-4), altre due nell’undicesimo ma sulla terza ha commesso un fatale doppio fallo permettendo al suo avversario di andare a servire sul 6-5. E Hubert non ha fallito sfruttando al volo l'occasione d'oro chiudendo al primo match-point con un drop-shot fortunoso (7-5). Ma la soddisfazione è tanta per Zeppieri - attualmente si allena all'Enjoy Tennis Center di Roma con il coach Giuseppe Fischetti - che esce a testa alta dal prestigioso torneo parigino: era al debutto nel circuito del Grande Slam. Dopo aver centrato il tabellone principale agli Internazionali d'Italia di Roma ora arriva un altro tassello importante che certifica la crescita esponenziale di Giulio, ormai sempre più un tennista in ascesa. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA