FONDI

Fondi, segue il navigatore e finisce con il Tir nel centro storico: strage di insegne, autista multato

Mercoledì 19 Febbraio 2020 di Barbara Savodini
2
Segue il navigatore e finisce con il Tir nel centro storico di Fondi: strage di insegne e cartelli

Con Waze e Maps sembravano essere finiti per sempre i tempi in cui i navigatori, se seguiti alla lettera, conducevano automobilisti forestieri su scale, fontane e vicoli ciechi e invece no, anche nel 2020, la tecnologia continua a fare brutti scherzi. È capitato questa mattina ad un autotrasportatore finito con il suo Tir lungo lo storico, centralissimo e pedonale Corso Appio Claudio di Fondi.

Ariccia, tir rimane incastrato in un vicolo per 6 ore: il navigatore aveva sbagliato strada
I satellitari vanno in tilt e i Tir si perdono
 


Fine di un'epoca, chiude il Bugatti pietra miliare della movida ternana
 

 

Nulla di eccessivamente grave, al massimo una multa, se fosse capitato ad una vettura ma le cose si sono complicate per via della mole del mezzo. Incredibili peripezie per girare il mezzo proprio dinnanzi il piazzale della Chiesa di Santa Maria. Tempestivo l'intervento della Municipale i cui agenti hanno cercato di fornire supporto all'autista. Prima di ogni eventuale multa e sanzione, del resto, la priorità è stata quella di far uscire il tir dal centro storico di Fondi.

Aurora, ai funerali fiori e palloncini davanti alla chiesa. «Non ti dimenticheremo mai

Autista multato. Una volta rimesso l'autocarro sulla retta via, nei confronti dell'autista, un uomo di nazionalità rumena, è scattata una multa da 47 euro. In ordine i restanti documenti: patente, revisione e assicurazione. L'autotrasportatore ha poi riferito agli agenti di essere diretto al Conad di viale Regina Margherita che, a piedi, oltrepassato il castello, dista appena 500 metri. Peccato che, per seguire le indicazioni del dispositivo, probabilmente di vecchia generazione, l'uomo non abbia notato il cartello di divieto di transito.

Ultimo aggiornamento: 20:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi