Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid , 1200 nuovi contagi in 24 ore: ospedale Goretti al completo

Covid , 1200 nuovi contagi in 24 ore: ospedale Goretti al completo
di Laura Pesino
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Giugno 2022, 12:03

La curva dei contagi sale inesorabilmente da settimane e ieri ha toccato il nuovo picco di quasi 1.200 casi di Covid in provincia di Latina. Non va meglio nel Lazio, dove i positivi accertati nelle scorse 24 ore hanno superato quota 11mila. Numeri così elevati non si registravano dai mesi di aprile e marzo e sono il segnale di una nuova ondata, ampiamente annunciata, che travolgerà anche i mesi estivi. Intanto, fra la popolazione crolla ogni barriera di protezione, mascherina compresa, e la vita sembra essere tornata alla normalità. Eppure il virus fa ancora sentire i suoi effetti ed è ormai chiaro che aumentando il numero dei contagiati cresce percentualmente anche quello dei pazienti che sviluppano forme gravi della malattia. Gli effetti, del resto sono già evidenti negli ospedali.

Al Santa Maria Goretti di Latina i 24 posti letto del reparto Malattie infettive sono nuovamente tutti occupati. Questo significa che i reparti dedicati si stanno rapidamente saturando, a Latina come nel resto dei nosocomi della regione, e non si esclude il ricorso a nuove riconversioni già viste e già attuate in passato se la rete ospedaliera regionale non riuscisse a fare fronte alla crescente esigenza di posti letto Covid.

«La frequenza dei casi è senz'altro aumentata spiega Sergio Parrocchia, direttore sanitario della Asl e dell'ospedale e c'è un attento monitoraggio per l'aumento di accessi al pronto soccorso e di ricoveri. Anche se le varianti sono meno aggressive, il numero dei pazienti che accede agli ospedali sta aumentando. Questo avviene in tutto il Lazio e anche lo vediamo anche nella nostra provincia. Molti tornano poi al domicilio perché possono essere curati a casa ma una piccola percentuale sta determinando una crescita di ricoveri, non solo per la gravità della malattia quanto soprattutto per la presenza di comorbidità e di fragilità in cui coesiste anche il virus. E' chiaro prosegue il dottor Parrocchia che per questi pazienti vanno previste forme di isolamento e questo porta via via a saturare i reparti Covid rischiando di far aumentare la pressione anche su altri reparti».
Al momento non si parla ancora di ulteriori riconversioni di posti letto da dedicare ai pazienti contagiati ma, con la curva che continua a salire, il rischio è dietro l'angolo e a Latina, come nel resto del Lazio, si monitora assiduamente l'evolversi della situazione. Proprio ieri, con la regione che supera gli 11mila contagi in un giorno, anche l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato ha fatto il punto: «Abbiamo meno criticità rispetto alle complessità della malattia ha spiegato Ricordo quindi l'importanza per gli over 80 e le categorie fragili di fare la quarta dose e di non rinviarla. Inoltre è importante poter richiedere gli anticorpi monoclonali o gli antivirali entro le prime 48 ore da quando si scopre la positività. Consiglio poi sempre di portare la mascherina e di indossarla nei luoghi al chiuso dove non è possibile mantenere il distanziamento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA