Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vacanze estive 2021, dalla Spagna alla Grecia: ecco i Paesi che accolgono chi ha fatto il vaccino

Vacanze estive 2021, dalla Spagna alla Grecia: ecco i Paesi che accolgono chi ha fatto il vaccino
di Lorena Loiacono
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 12 Maggio 2021, 19:26 - Ultimo aggiornamento: 13 Maggio, 09:00

Dopo un anno di attesa, si può iniziare a preparare le valigie. Questa estate, infatti, si potrà viaggiare: basta avere in tasca il green pass. Destinazione? Molte sono ancora da decidere ma i primi passaggi riguarderanno la Spagna e la Grecia. A seguire anche alcune regioni del Portogallo. E intanto altri Paesi, come la Germania, l'Ungheria e i Paesi Bassi, stanno valutando una data per accogliere i turisti muniti di green pass.

UE, al via in 19 Paesi test al sistema digitale dei pass Covid

DAL 15 MAGGIO SI CAMBIA

Per ora l'Italia, dal 15 maggio, inizierà ad accogliere gli italiani che rientrano dall’estero e i turisti stranieri senza obbligarli alla quarantena. Si parte con i paesi Ue, la Gran Bretagna e Israele, che possono contare su campagna vaccinali già a buon punto. Un passo importante per riavviare il settore del turismo italiano che, di fatto, si traduce anche in una maggiore possibilità di spostarsi per gli italaliani che vogliono andare all'estero non per motivi di lavoro.

Covid, Italia «tutta bianca da giugno». Sileri: riaprire, anche se i contagi fra giovani cresceranno

SEMAFORO VERDE: SI PARTE

A decidere la meta per la vacanza sarà una sorta di semaforo messo a punto dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie che dispone di una mappa dei paesi europei identificati con colori dir ischio e aggiornata ogni due settimane. Si diventa “verdi” quando i tassi di test Covid-19 positivi scendono al di sotto del 4%.

Turismo, green pass vale oltre 11 miliardi

GREEN PASS IN VALIGIA

Avere in tasca il green pass significa non essere obbligati alla quarantena una volta rientrati in Italia. Un passo importante per il turismo soprattutto per fare fronte alla concorrenza: la Spagna, puntando molto sulle Isole covid free, potrebbe prendere molo terreno rispetto alle mete italiane. E così, aderendo al green pass europeo che entrerà in vigore per la metà di giugno, ci i potrà spostare più facilmente.

COME FUNZIONA IL GREEN PASS

Si deciderà a livello europeo con quali modalità e con quale durata saranno valide le certificazioni nei diversi paesi: la decisione verrà presa in un incontro tra i ministri della Salute a livello dell'Unione europea. Sembra certo che già dal prossimo 15 maggio si potrà partire con i documenti cartacei. Entro giugno invece il green pass sarà digitale: un Qr code a disposizione attraverso una piattaforma tecnologica europea.

FINITA LA VACANZA ALL'ESTERO, COSA MI ASPETTA AL RIENTRO IN ITALIA?

Una volta terminato il soggiorno all'estero, si torna in Italia e grazie al green pass si evita la quarantena di 5 giorni e il tampone. Il green pass infatti funzionerà come l’attuale certificazione verde per muoversi tra regioni di colore diverso: bisogna aver concluso la procedura di vaccinazione, bisogna avere il tampone negativo fatto entro 48 ore prima o la guarigione da Covid-19 certificata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA