Revenge porn, donna vittima dell'ex compagno denuncia anche Zuckerberg a Napoli: «Facebook non ha oscurato il finto profilo»

Sabato 30 Marzo 2019
Revenge porn, donna vittima dell'ex compagno denuncia anche Zuckenberg: «Facebook non ha oscurato il finto profilo»
Questa volta la vittima del nuovo caso di Revenge Porn chiama in casa anche Mark Zuckerberg: il falso profilo su Facebook non è stato del tutto oscurato come richiesto anche dalla legge.
Un passo indietro nella vicenda: un uomo non aveva accettato la fine della relazione con una donna e per vendicarsi aveva aperto un falso profilo Facebook a nome dell'ex compagna, pubblicando foto intime della donna. Cinque anni dopo l'uomo, V.V., 51 anni di Pompei (Napoli) - come anticipato dal Mattino - è sotto processo al tribunale di Torre Annunziata. Dove una denuncia querela è stata presentata dall'avvocato della vittima, Giancarlo Sparascio, anche nei confronti di Mark Zuckerberg, il fondatore e proprietario del social network, in quanto - due anni dopo i fatti denunciati - il falso profilo, in precedenza oscurato, sarebbe tornato attivo.

LEGGI ANCHE: Revenge porn, cosa è e cosa prevede la legge contro la "vendetta pornografica"
LEGGI ANCHE: Revenge Porn, la mamma di Tiziana Cantone:

Tutto ha inizio - come spiega il legale - nell'ottobre del 2014, quando la vittima (oggi 52 anni, un matrimonio già finito alle spalle e fino ad allora non iscritta a Facebook) viene informata che è attivo un falso profilo a suo nome su cui erano state caricate diverse immagini intime che la ritraevano, visibile in volto, durante rapporti sessuali avuti con V.V., immagini accessibili a tutti.

La donna, costretta per la vergogna successivamente anche a lasciare il suo luogo di origine nel Salento, tramite l'avvocato Sparascio presenta un atto di denuncia-querela contro l'uomo alla Procura di Lecce, con la richiesta di sequestro dei dispositivi elettronici, mentre il profilo viene oscurato 72 ore dopo l'attivazione grazie all'intervento della polizia postale di Lecce. Ne consegue una perquisizione a Pompei ed il sequestro del computer dell'uomo, pc sul quale verrà poi eseguita una consulenza tecnico-informatica da un incaricato dalla Procura leccese.

Il cinquantunenne viene così tratto a giudizio al Tribunale di Lecce nel novembre 2016 per rispondere dei reati di sostituzione di persona, diffusione di immagini pornografiche e diffamazione aggravata, accuse che hanno comportato il trasferimento del processo per competenza territoriale a Torre Annunziata.

Il dibattimento è ora stato aggiornato al 15 luglio: «I gravissimi fatti sottesi a questo processo, che avrebbero potuto sortire, come avvenuto in altre occasioni, conseguenze fatali, stanno dirigendosi verso il loro definitivo accertamento nel dibattimento - spiega l'avvocato Giancarlo Sparascio - pur con immensi sforzi, in ragione della totale inadeguatezza delle classiche fattispecie di reato rispetto all'incriminazione di condotte radicalmente nuove che richiederebbero l'introduzione dell'autonomo delitto di revenge porn, come finalmente pare essersi reso conto il Parlamento».

Infine, il difensore segnala che alla procura di Torre Annunziata vi è un secondo procedimento, in attesa di determinazioni da parte del pm, «originato da una denuncia-querela estesa anche al fondatore Mark Zuckerberg, a causa della riattivazione a distanza di due anni dello stesso profilo già segnalato ed oscurato: riattivazione - spiega il legale - riconducibile all'inadeguatezza del sistema di controllo e di sicurezza predisposto dai vertici aziendali di Facebook che, in Europa, dispone di un solo ufficio, situato in Germania, deputato alle operazioni di verifica e rimozione di post che vengono utilizzati come strumento di revenge porn o per la commissione di altri reati, mentre l'Italia, con oltre 28 milioni di utenti, è del tutto sprovvista di una struttura operativa del social che possa svolgere tali operazioni». 
Ultimo aggiornamento: 17:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA