Morti due alpinisti, grave un altro sulle montagne della Lombardia

Lunedì 7 Gennaio 2019
Altri due morti in montagna. si è conclusa con un pesante bilancio di due morti in Lombardia la settimana nera sulle montagne italiane, con due diversi incidenti causati probabilmente ancora dal ghiaccio avvenuti in provincia di Brescia e di Bergamo. Sul Monte Blumone nel bresciano, a 2843 metri sul livello del mare, tra la Vallesabbia e la Vallecamonica, un alpinista è morto mentre stava affrontando un canalone al fianco di una donna, ferita gravemente. Entrambi 44enni, milanesi, avevano da poco lasciato il rifugio. Probabile che la loro caduta sia stata dovuta a una lastra di ghiaccio.

Michele Spada è morto sul colpo, dopo un volo di quasi cento metri, mentre la donna che era con lui - legata in cordata - è stata recuperata e poi trasportata in condizioni critiche agli Spedali civili di Brescia. Ha riportato diversi traumi e i medici si sono riservati la prognosi. È accaduto attorno alle undici del mattino e sono stati altri alpinisti a lanciare l'allarme. Sempre in mattinata si era già registrata un'altra morte sulle montagne lombarde. Attorno alle 8.20 a Valbondione in località Tre Croci nella Bergamasca, un 47enne residente a Berzo San Fermo (Bergamo) che stava affrontando una giornata in solitaria è precipitato lungo un sentiero dopo essere scivolato, ancora probabilmente a causa del ghiaccio.

«Non utilizzava i ramponi», hanno spiegato gli uomini del Soccorso Alpino che hanno recuperato il corpo senza vita dell'uomo che procedeva sul sentiero conosciuto come «Lo scarico», a 1700 metri, un percorso alternativo che porta al rifugio Curò. È precipitato davanti ad altri escursionisti che hanno chiamato i soccorsi arrivati quando ormai il 47enne era già morto. Si tratta delle ultime due morti in ordine di tempo in questo inizio anno, dopo i decessi sulla neve di due bambine avvenuti nel corso della settimana.

Emily Formisaro, 8 anni, morta sul colpo su una pista del Corno del Renon dopo essersi schiantata contro un albero con lo slittino sul quale viaggiava anche la madre ricoverata in condizioni disperate a Bolzano. La donna e un responsabile della società che gestisce il comprensorio sciistico sono indagati per omicidio colposo. Sulla pista da sci Imbuto di Sauze d'Oulx, in Val di Susa a Torino era invece morta Camilla, 9 anni, caduta con gli sci sotto gli occhi del padre e finita violentemente contro una barriera frangivento lungo una pista ora posta sotto sequestro dalla Procura di Torino.

Quattro in questo caso le persone iscritte nel registro degli indagati. È invece ricoverato in ospedale in gravi condizioni a Como un 14enne di origine cinese che sabato nel Lecchese è caduto mentre stava sciando con gli amici. L'adolescente era sulla pista ai piani di Bobbio. È stato soccorso e trasportato all'ospedale di Como con l'elisoccorso giunto da Bergamo per un grave trauma cranico-facciale.
Ultimo aggiornamento: 08:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il basket in carrozzina rende giovani e tenaci

di Mimmo Ferretti