MILANO

Milano, violenta una giovane donna in piazza Gae Aulenti: arrestato 23enne

Sabato 26 Settembre 2020
1
Milano, violenta una giovane donna in piazza Gae Aulenti: arrestato 23enne

Milano, per la violenza sessuale ai danni di una giovane donna in piazza Gae Aulenti è stato arrestato un 23enne. Il ragazzo italiano di origini egiziane e incensurato, è stato arrestato perché sospettato di essere il responsabile dello stupro avvenuto lo scorso 24 agosto, con vittima una donna di 34 anni.

Covid Veneto, bollettino: nuova impennata con 216 positivi, nessun decesso

Meteo, tromba d'aria nel Livornese, circolo devastato: gravi maestro e allievo. Ischia isolata, disagi a Roma

 

Le indagini


L'ordinanza della misura cautelare della custodia in carcere - fa sapere una nota della Questura - è stata emessa il 21 settembre dal gip Manuela Accurso Tagano, su richiesta del procuratore aggiunto Maria Letizia Mannella e del sostituto Michela Benedetta Bordieri. Le indagini sono state avviate la mattina del 24 agosto, quando la 34enne, fortemente scossa, ha fermato una volante di passaggio tra viale Liberazione e via Melchiorre Gioia, riferendo di essere stata aggredita poco prima da un egiziano a lei sconosciuto.

La donna è stata poi accompagnata al centro Soccorso violenza sessuale e domestica della clinica Mangiagalli, dove ha raccontato di essere stata abusata dal ragazzo in un prato vicino a piazza Gae Aulenti nella nottata precedente.

Le telecamere della piazza hanno confermato la dinamica dei fatti fornita dalla vittima nella querela: il ragazzo, dopo aver avvicinato la donna insieme ad altri due, che si sono allontanati molto tempo prima della violenza e sono risultati estranei ai fatti, l'ha trascinata in un prato limitrofo alla piazza e l'ha costretta a subire almeno un rapporto completo. Le indagini, condotte dalla 4° sezione della Squadra Mobile della Questura di Milano, favorite dalle informazioni fornite dalla donna, hanno permesso di individuare e identificare un soggetto corrispondente alle descrizioni. Alla certezza dell'identità del soggetto - precisa la nota della Questura - si è giunti anche grazie alle analisi sul Dna effettuate dal laboratorio di biologia del locale Gabinetto regionale di Polizia scientifica.
 

Ultimo aggiornamento: 11:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA