Laureato in Ingegneria con 110 e lode assunto come operatore ecologico per 1200 euro al mese: «Lavoro per farmi una famiglia»

Domenica 8 Dicembre 2019
5
Laureato in Ingegneria con 110 e lode assunto come operatore ecologico per 1200 euro al mese: «Lavoro per farmi una famiglia»

Sono nove i laureati che si sono aggiudicati un posto da operatore ecologico a tempo indeterminato a Barletta, con la società municipalizzata 'Barsa'. Nella graduatoria in cui si leggono i nomi dei 13 vincitori, tra cui quattro diplomati, spicca al primo posto un laureato in Ingegneria con 110 e lode. 

Lavoratori autonomi, Italia prima in UE

Immigrati, Fondazione Moressa: generano il 9% del pil, sono 2,5 milioni gli occupati stranieri
 

Si chiama Giuseppe Moreno Di Trani, ha 35 anni e in una intervista a Repubblica ha raccontato perché ha scelto di partecipare al concorso appena ricevuta notizia del bando: «Ero stufo di fare piccoli lavoretti, sempre precari, sempre sottopagati o addirittura gratis». Laureato nel 2012 al Politecnico di Bari, Giuseppe racconta di aver provato a lavorare nel settore per cui si è specializzato, ma con scarsi risultati: «Ho girato diversi studi, ma era sempre la stessa storia. Inizi con una sorta di tirocinio, o almeno te lo fanno passare così anche se sei già abilitato alla professione. "Fai esperienza", dicono. E va bene: a zero euro al mese». La voglia di lavorare non gli è mai mancata, e ha fatto un po' di tutto: dal cameriere al commesso, dalla raccolta delle olive al falegname. Stipendio più alto? 800 euro al mese.

«Quando ho saputo del concorso da operatore ecologico - ha concluso il giovane ingegnere - ho voluto provarci. Bisogna guardare in faccia la realtà. E ora voglio lavorare e mettere su famiglia con la mia compagna. Perché prima di essere un ingegnere sono una persona».

La vicenda degli operatori ecologici con laurea in mano è stata commentata dal sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, che all'Ansa ha dichiarato: «Il lavoro è una priorità, anzi un'emergenza, e questo spinge ragazzi dal curriculum brillante, con lauree e specializzazioni, a candidarsi e vincere concorsi pubblici per fare tutt'altro rispetto a quello per cui hanno studiato e su cui, probabilmente, avevano puntato. E così un laureato in ingegneria può diventare un operatore ecologico». «La lettura di questo fatto non può che essere sociologica - aggiunge il primo cittadino - e a questi ragazzi auguro che questa sia una esperienza che gli possa tornare utile nella loro vita in attesa di una piena realizzazione».

Ultimo aggiornamento: 16:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma