Finanza, in Italia 13 mila persone non hanno mai pagato le tasse: evasi più di 3 miliardi di Iva

Venerdì 21 Giugno 2019
4
Nel periodo compreso tra il 1 gennaio del 2018 e il 31 maggio del 2019 la Guardia di Finanza ha scoperto 13.285 evasori totali, soggetti completamente sconosciuti al Fisco che non hanno mai pagato un euro di tasse e che hanno evaso complessivamente 3,4 miliardi di Iva. Un numero leggermente superiore a quello dello stesso periodo precedente, quando ne furono scoperti 12.824. Sono inoltre scoperti 42.048 lavoratori in nero o irregolari - anche questi in aumento (erano 30.818) - e sono stati denunciati 8.032 datori di lavoro.

Nei 17 mesi di attività sono oltre un milione e mezzo (1.519.033) le ispezioni portare a termine e quasi centomila (97.247) le indagini delegate dalla magistratura ordinaria e contabile. Si tratta di «interventi mirati» afferma il comando generale, «indirizzati nei confronti di target accuratamente selezionati grazie all'attività d'intelligence, al controllo economico del territorio e ad analisi di rischio» ulteriormente potenziata e migliorata grazie all'integrazione tra le banche dati e all'introduzione della fatturazione elettronica obbligatoria.

Riciclaggio Negli ultimi 17 mesi il valore del riciclaggio accertato si è attestato a 2,4 miliardi e sono stati effettuati sequestri per 661 milioni. Complessivamente sono state denunciate per riciclaggio 3.364 persone, 408 delle quali sono state arrestate mentre sul fronte del finanziamento al terrorismo sono state 454 le segnalazioni sottoposte a controlli, su un totale di 124.322 segnalazioni di operazioni sospette. Sul fronte della lotta ai patrimoni delle mafie sono invece state sottoposte a controlli quasi 15mila persone, sono stati sequestrati beni per 2,4 miliardi ed effettuate confische per 1,8 miliardi. Il valore dei sequestri di beni mobili, immobili, quote societarie e disponibilità finanziarie proposte all'autorità giudiziaria ammonta invece a 5,9 miliardi.

Danni alla spesa pubblica I comportamenti illeciti da parte di poco più di 8mila tra funzionari e dipendenti dello Stato (8.047) hanno prodotto un danno all'erario per circa 6 miliardi mentre sono stati eseguiti sequestri per 107 milioni.  I finanzieri hanno anche scoperto frodi al bilancio nazionale e comunitario per un valore complessivo di 1,7 miliardi Gli interventi svolti sul fronte della spesa pubblica, degli appalti, degli incentivi alle imprese, della spesa sanitarie e delle erogazioni dei fonti europei sono stati complessivamente 34.625, ai quali vanno aggiunte 8.636 deleghe d'indagine concluse in collaborazione con la magistratura ordinaria e 1.880 con la Corte dei Conti. Un'azione, dice la Gdf, «finalizzata ad individuare quelle condotte che, pregiudicando la legalità e la correttezza nella pubblica amministrazione, minano il puntuale utilizzo delle risorse, favorendo sprechi e malversazioni» Sul fronte della spesa previdenziale, assistenziale e sanitaria, le frodi scoperte ammontano a 157 milioni e hanno portato alla denuncia di 13.570 persone. I finanzieri hanno anche accertato che il 34,1% delle prestazioni sociali agevolate e ben 88,9% delle esenzioni dal pagamento dei ticket sanitari sono risultate irregolari.
Ultimo aggiornamento: 08:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma