Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Arresto cardiaco in aereo, 4 infermieri salvano la vita a un 32enne: «Insospettiti da come russava»

Arresto cardiaco in aereo, 4 infermieri salvano la vita a un 32enne: «Insospettiti dal modo in cui russava
3 Minuti di Lettura
Giovedì 14 Aprile 2022, 21:04 - Ultimo aggiornamento: 18 Aprile, 11:33

Trovarsi al posto giusto al momento giusto. Anche a novemila metri d'altezza. Tre infermieri e un'operatrice sanitaria dell’ospedale di Chioggia - Katia De Bei, Riccardo Baldo, Tiziana Cavallarin e Gina Valentino - lo scorso 12 aprile si trovavano a bordo di un volo EasyJet quando, per puro caso, si sono accorti che un altro passeggero stava male. I quattro sanitari, che stavano volando da Venezia a Parigi per un fine settimana, hanno notato che un uomo seduto nella fila dietro di loro era andato in arresto cardiaco e sono riusciti a salvargli la vita con massaggio cardiaco e defibrillatore, messo a disposizione dall'equipaggio dell'aereo.

 

Arresto cardiaco in aereo, 4 infermieri salvano la vita a un 32enne

L'uomo, un 32enne, appartentemente dormiva ma il suo insolito modo di russare ha insospettito i quattro. «Ci siamo girati - racconta Baldo al Corriere - quel respiro pesante lo conosciamo, non è un normale russare». I sanitari hanno provato quindi a svegliare l'uomo, che non ha risposto perché non era cosciente. Il polso era debolissimo, il giovane era già in arresto cardiaco. Così i sanitari hanno immediatamente iniziato a praticare il massaggio cardiaco, mentre l'assistente di volo ha portato loro il defibrillatore. Il pronto intervento dei quattro ha funzionato e dopo 10 minuti l'uomo è stato rianimato. «Grazie e scusatemi», ha detto il giovane quando si è ripreso. All'atterraggio a Parigi il 32enne è stato affidato alle cure di un ospedale. La sua vita è stata salvata da quattro sanitari coraggiosi e attenti che, anche in vacanza, non abbandonano la loro vocazione nell'assistere il prossimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA