Ceccano. Il centrodestra provinciale blinda Caligiore,
a sinistra si lavora ad una scelta unitaria

Domenica 22 Dicembre 2019 di Maria Laura Lauretti
Da sinistra Pulciani, Ruspandini, Caligiore, Gerardi, Ciacciarelli e Piacentini
Il blocco provinciale del centrodestra sta con Roberto Caligiore e con la coalizione presentata ufficialmente per l’appuntamento elettorale di maggio prossimo. Ieri mattina i vertici politici e istituzionali di Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia, sono arrivati a Ceccano per confermarlo schierandosi accanto al candidato sindaco. Le ‘ragioni’ politiche della riunificazione intorno alla figura di Caligiore sono state riassunte dagli interventi di Adriano Piacentini, commissario di FI, Paolo Pulciani, coordinatore provinciale di FdI, il consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli, la deputata Francesca Gerardi e il senatore Massimo Ruspandini. Tutti hanno confermato il sostegno pieno a Caligiore e alla coalizione di centrodestra assicurando, ognuno per la propria competenza politica e istituzionale, appoggio ben oltre l’appuntamento elettorale. La continuità politica, quindi, resta un punto fermo della proposta elettorale di Caligiore che, dal canto suo, dopo i ringraziamenti si è detto certo di chi non sarà della partita: “Quelli che hanno firmato le dimissioni lo scorso ottobre non avranno spazio nella nostra squadra”, sgomberando così il campo dai rumors del ritorno a casa d qualche ex alleato. Tra tutti gli interventi è di certo quello del senatore Ruspandini il più ricco in materia elettorale che merita attenzione perché senza fare voli pindarici Ruspandini ha ricordato il punto politico di partenza dell’aspirante sindaco di Fratelli d’Italia in un contesto, quello di Ceccano, sempre storicamente ostile alle destre: “Il dato vero di questa campagna elettorale che nessun altro vi dirà è soltanto uno: il centrosinistra e la sinistra non esistono più a Ceccano. Sono spariti completamente. E questo lo sappiamo ormai da anni, da prima che Roberto diventasse sindaco. Detto questo, oggi siamo pronti per una proposta nuova di città, una proposta che sarà sostenuta e assicurata da una filiera politica che arriva fino all’Europarlamento dove siede il nostro eurodeputato Procaccini”. Pochi i riferimenti agli avversari, fatta eccezione per una sorta di avvertimento che Ruspandini ha voluto lanciare: “In questa specie di fiera delle occasioni cui stiamo assistendo ricordate ai nostri concittadini come stanno veramente le cose e che portare acqua al mulino di chi aspira solo ad occupare un posto all’opposizione non sarebbe intelligente e utile per lo sviluppo di questa città”. In chiusura c’è stato spazio anche per un riconoscimento a chi resta civico all’interno della coalizione Caligiore, con l’appoggio della lista di Patto Civico, del prof. Mario Sodani, “realtà consolidata nel tempo e in linea con il nostro progetto di città”.
Nel centrodestra la situazione continua ad essere più che chiara, quindi, senza tentennamenti. Restano a guardare, per il momento quelli dell’area moderata e civica che sostiene Marco Corsi e che hanno incassato l’appoggio ufficiale di Pd e Psi, mentre a sinistra (Federazione dei Verdi, Cives, Riformismo Progresso e Libertà, Rifondazione e Insieme per Ceccano) si lavora alla scelta di  una candidatura unitaria. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani