Rugby, morde al braccio l'avversaria durante una mischia: squalificata la capitana dell'Australia Video

Mercoledì 10 Aprile 2019
Rugby, morde al braccio l'avversaria durante una mischia: squalificata la capitana dell'Australia Video
Ha chiesto scusa, ma intanto quel morso all'avambraccio di una rivale - nonché compagna in nazionale - le è costata una squalifica di sei settimane e, probabilmente i gradi di capitano della nazionale dell'Australia. Liz Patu, 29 anni, pilone, ha addentato il braccio della seconda linea Rebecca Clough durante un raggruppamento a terra per impedire che l'avversaria le portasse via il pallone o ne rallentasse comunque l'uscita. Situazioni in cui il confine fra lecito e illecito non è facile da delineare, ma che comunque non possono essere risolte a morsi. 

Fatto sta che quando il gioco è stato interrotto dall'arbitro Laura West, la Clough le ha fatto vedere i segni dei denti sull'avambraccio. Si stava giocando un match del campionato provinciale Super W tra Quensland Reds di Brisbane e Western Force di Perth. Sia la Patu, 1,70 per 85 chili, di origini neozelandesi, sia la Clough giocano nella mischia della nazionale australiana, settima al mondo (le azzurre sono seste).


 

La giocatrice ferita, con l'aiuto delle compagne, ha subito indicato la colpevole, smascherata in pochi istanti anche grazie alle immagini trasmesse sullo schermo gigante dello stadio. L'arbitro però, che non aveva visto direttamente il morso, e così i guardalinee, non ha potuto prendere provvedimenti perché il Tmo (la moviola) non era prevista in questa partita fra giocatrici dilettanti. L'episodio ha avuto vasta eco nel mondo del rugby femminile, meno segnato da queste gravi scorrettezze. 

La capitana dell'Australia è stata poi squalificata per sei settimane, pena mite grazie al suo passato immacolato. La Patu ha fatto pubblica ammenda, si è scusata con la rivale-compagna di nazionale, che ha accettato il pentimento, e subirà anche un provvedimento disciplinare del Queensland che ha puntato molto su di lei in questo campionato e che continuerà comunque a sostenerla.
"Mi scuso con Rebecca, con la mia squadra, con la nazionale e con il pubblico - ha detto il pilone -
 Ho giocato a rugby a tutti i livelli e non avevo mai commeso atti come questo. Accetto in pieno la punizione". 
  Ultimo aggiornamento: 22:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma