Gite scolastiche, fermato un bus
Lo studio: in Ciociaria un pullman
su tre è senza revisione

Venerdì 20 Aprile 2018 di Andrea Tagliaferri
Controlli sui pullman per gite scolastiche con sorpresa. È quanto accaduto verso le quattro della notte tra mercoledì e giovedì a Frosinone, quando decine di ragazzi e genitori si sono radunati davanti l’istituto “Bragaglia” in zona aeroporto per la partenza in direzione della Sicilia ma hanno rischiato di non partire perché uno degli autobus da turismo inviati dall’agenzia viaggi era totalmente difforme dalle prescrizioni di legge in materia di sicurezza e circolazione stradale.

REGOLE PIÙ RIGIDE
Come prevedono le normative attuali, infatti, rese più stringenti dopo i tristi fatti di Salerno del luglio 2013, quando un bus turistico carico di studenti precipitò da un viadotto causando 38 morti e 10 feriti, ad ogni partenza, obbligatoriamente e non più a campione, avvengono i controlli da parte delle forze dell’ordine sulla regolarità dei mezzi, delle assicurazioni, dei dispositivi di sicurezza e quant’altro.
In questa occasione i controlli li ha svolti la Polizia stradale di Frosinone che ha esaminato 3 pullman turistici ed è emerso che uno di questi mezzi era sprovvisto di assicurazione, di revisione, di estintore, di cassetta di pronto soccorso nonché l’autista non era in possesso della documentazione che regola i rapporti di lavoro.
A quel punto, non essendoci gli estremi di sicurezza prescritti la partenza non è stata autorizzata e si sono registrati momenti concitati con proteste anche veementi da parte di genitori e studenti. Per fortuna, alla fine, la ditta ha inviato un mezzo in sostituzione e i ragazzi pare siano arrivati in tempo limite all’aeroporto nella Capitale per partire in direzione della Sicilia. A carico della ditta, che ha sede nel nord della provincia di Frosinone, sono state elevate diverse contestazioni al Codice della Strada, con sanzioni che arrivano a sfiorare i duemila euro ed il fermo del mezzo.

IL PRIMATO
È un caso che uno dei bus turistici sia stato trovato senza revisione? Forse no a giudicare dai numeri recentemente diffusi dall’Osservatorio Facile.it dal quale emerge, in percentuale, la provincia di Frosinone è quella che conta il maggior numero di bus turistici non revisionati: pari a 227 mezzi, pari al 30,51%. Uno su tre, appunto. La provincia con il maggior numero di mezzi non revisionati è Roma, con 315, che a livelli percentuali, però, con il 15,81% è al gradino più basso della graduatoria delle province laziali. A Latina i bus non revisionati sono 65, il 18,73%, a Viterbo sono 28, il 21,71%, a Rieti, 9, il 22,50%.
  Ultimo aggiornamento: 17:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA