Emma Dante nel mondo cupo e sconvolto di Prokofiev

Emma Dante presenta una femmina impegnativa, Renata, la protagonista del mondo cupo e sconvolto dell’Angelo di fuoco, l’opera “proibita” che Prokofiev non vide mai rappresentata, in scena all’Opera di Roma dal 23 maggio (repliche fino al primo giugno).

Dirige l’orchestra il maestro Alejo Pérez, cantano Leigh Melrose, Evgenia Muraveva, Sergey Radchenko, Maxime Paster, Mairam Sokolova e Goran Jurić.

Dopo una travagliata stesura della partitura, ispirata al romanzo “blasfemo” di Brjusov, il capolavoro andò in scena a trent’anni dal suo completamento e a due anni dalla morte del compositore.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Davide si è inventato un lavoro: proteggere i gatti sui balconi di Roma

di Pietro Piovani