Carabiniere aggredito, arrestato il "Gigante": l'ultrà laziale incastrato da scarpe e giaccone

La caccia al tifoso tedesco per le strade e i locali di Trastevere dopo la partita tra Lazio e Eintracht Francoforte dello scorso 13 dicembre era finita con l'aggressione a un carabiniere. Per quell'episodio ieri sono scattati i domiciliari per Riccardo Rinaldi, 25 anni, detto il gigante, uno degli Irriducibili della Lazio, il gruppo degli ultras di cui era a capo Fabrizio Piscitelli, Diabolik, prima di essere ucciso il 7 agosto.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi