Cotral, sedili distanziati e cartelli: ecco come saranno i bus del trasporto regionale (foto Luciano Sciurba)

(foto Luciano Sciurba)

Cotral ha allestito oltre 400 mezzi secondo le nuove regole sul distanziamento sociale. "Domattina avremo allestito tutta la flotta in servizio - ha spiegato la presidente Amalia Colaceci - Non mettiamo mai a repentaglio la sicurezza dei nostri passeggeri e dei suoi lavoratori non solo per rispetto di chi viaggia ma perchè, semplicemente, non avrebbe senso. E anche se ieri i mezzi non erano tutti allestiti, visto che abbiamo lavorato in condizione di urgenza perchè sui mezzi Cotral non si possono appiccicare bolli o fare croci con i pennarelli. I nostri sedili sono di stoffa e ci siamo dovuti inventare un sistema più complesso con gli elastici. Ma tutti devo dire, da quello che mi è stato riferito, hanno viaggiato nel pieno rispetto della normativa nazionale e regionale perchè i nostri mezzi sono stati caricati ben al di sotto della soglia garantita. Tra l'altro mi viene riferito tutti i passeggeri con la mascherina e tutti attenti al rispetto delle regole».

Colaceci ha ringraziato tutti i lavoratori Cotral e le ditte di igiene, che «hanno lavorato tantissimo per allestire i mezzi. Il nostro Paese ha bisogno di persone così, che soprattutto in momenti difficili si impegnano per aiutare l’intero sistema e che fanno squadra, e non di quelli che incitano alla ribellione e al non rispetto delle regole».

«A partire da domani, i bus saranno così organizzati ; i marker rossi indicano che non possono essere occupati in nessun caso. Quelli blu indicano che li puoi usare solo se tutti i posti non marcati sono già occupati. In totale i posti sono 60.000, i bus 1.500 e probabilmente non si riuscirà a completare tutta la flotta entro l’orario delle prime corse di domani. Ecco perché nei capolinea domattina saranno presenti operatori Cotral per facilitare le operazioni d’imbarco». 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani