Stellantis rimborsa in anticipo prestito Intesa con garanzia SACE

Stellantis rimborsa in anticipo prestito Intesa con garanzia SACE
2 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Gennaio 2022, 12:45

(Teleborsa) - Stellantis ha rimborsato la linea di credito da 6,3 miliardi aperta con Intesa Sanpaolo nel giugno 2020. Il finanziamento a tre anni beneficiava di una garanzia pubblica dell'80% riconosciuta da SACE nell'ambito delle misure governative per le imprese colpite dall'impatto del Covid-19. La linea di credito era stata strutturata per supportare la ripartenza e la trasformazione del settore automobilistico italiano dopo la pandemia, fornendo liquidità alle attività della società in Italia e ai suoi fornitori italiani. "La linea è stata determinante per il riavvio della produzione industriale e ha fornito continuità a progetti di investimento chiave per fornire un futuro sostenibile al settore automobilistico in Italia", sottolinea in una nota il gruppo nato dalla fusione di FCA e PSA. Stellantis è ora in grado di rimborsare la linea in anticipo rispetto alla data di scadenza originaria di marzo 2023 continuando i suoi progetti di investimento, viene aggiunto.

La notizia era stata anticipata ieri dalle agenzie internazionali e aveva provocato immediatamente le reazioni dei sindacati, preoccupati che Stellantis non voglia avere doveri nei confronti del governo italiano in vista della presentazione del piano di sviluppo prevista a marzo. "L'anticipo fa pensare che l'azienda voglia avere le mani libere sugli investimenti e i non investimenti", ha affermato Francesca Re David, segretaria generale della Fiom. Il segretario della Fismic-Confsal, Roberto Di Maulo, ha detto che le sigle metalmeccaniche chiederanno al governo un incontro per discutere prima della presentazione del nuovo piano: "L'esecutivo non può lavarsene le mani". Ferdinando Uliano (FIM) ha affermato che "è indispensabile una convocazione del tavolo da parte del ministro Giorgetti, già sollecitata rispetto alle difficoltà nell'accordo sulla gigafactory di Termoli".

© RIPRODUZIONE RISERVATA