Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ferrari, nel piano 2023-2026 investimenti per 4,4 miliardi

Ferrari, nel piano 2023-2026 investimenti per 4,4 miliardi
2 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Giugno 2022, 12:45

(Teleborsa) - Sul fronte dei risultati "abbiamo mantenuto le promesse e raggiunto gli obiettivi" del piano industriale 2018-2022, con un free cash flow nel periodo di 2,46 miliardi, 15 lanci di cui 4 vetture ibride con motori V8 e V6 e una crescita della base clienti del 25% con profili più giovani - ha detto il CEO di Ferrari, Benedetto Vigna al Capital Market Day -. "La nostra storia sportiva ci ha insegnato a fare attenzione a ogni dettaglio" e questo ci permette di "costruire macchine uniche". Con il piano industriale 2018-2022 "abbiamo puntato su customer experience, emozioni di guida, competizioni e azioni per ridurre l'impatto sul pianeta".

Il piano Ferrari a 4 anni "favorisce i ricavi rispetto ai volumi" e prevede un forte contributo del mix/prezzo, raggiungendo nel 2026 un Ebitda pari a 2,5-2,7 miliardi di euro, con un margine Ebitda di 38%-40%".

Gli investimenti cumulati sono pari a 4,4 miliardi, che sosterranno lo sviluppo del prodotto, di cui 75% relativi a nuovi progetti vettura e 25% alle infrastrutture. Generazione di free cash flow industriale cumulato coerente sarà pari a 4,6-4,9 miliardi nel periodo di piano 2022-2026.

La remunerazione degli azionisti avverrà tramite l'incremento del dividend pay-out dal 30% al 35% dell'utile netto rettificato dal 2022 in avanti e un programma di riacquisto delle azioni proprie di 2 miliardi di euro da ora al 2026.
Il piano quadriennale prevede entro il 2026, l'offerta di prodotti sarà per il 40% ICE, 60% ibrida ed elettrica. Lo sviluppo dell'ICE, componente essenziale della tradizione della Società, proseguirà. I motori ibridi continueranno a beneficiare del trasferimento tecnologico dall'esperienza di Ferrari nel mondo delle corse. I motori elettrici saranno progettati, sviluppati e realizzati artigianalmente a Maranello, per assicurare un'esperienza di guida unica derivante anche da soluzioni del mondo delle corse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA