Crisi Whirlpool, a Napoli esplode protesta lavoratori

Crisi Whirlpool, a Napoli esplode protesta lavoratori
3 Minuti di Lettura
Martedì 20 Luglio 2021, 13:15 - Ultimo aggiornamento: 16:14

(Teleborsa) - L'Italia è centrale per Whirlpool ma sulla decisione sullo stabilimento di Napoli non si torna indietro. E' quanto ha ribadito, in un'intervista al Corriere della Sera, l'amministratore delegato di Whirlpool Italia, oltre che dell'area Emea, Luigi La Morgia.

A Napoli, spiega, "l'attività produttiva è già terminata a fine ottobre, non è possibile" tornare indietro, "le lavatrici di alta gamma che erano prodotte a Napoli non hanno più mercato, quel modello non è più sul mercato. Da due anni diciamo che la produzione nello stabilimento di Napoli non ha futuro. Abbiamo provato in ogni modo a farlo funzionare. Ci abbiamo investito 100 milioni di euro negli ultimi 10 anni. Una volta esperite tutte le possibilità, però, bisogna affrontare il problema e cercare soluzioni vere, stabili, non a brevissima gittata". Whirlpool, ha proseguito, "ha investito 800 milioni sull'Italia dal 2015 a oggi, di cui 280 negli ultimi tre anni. Continueremo su questa strada. L'impegno di una multinazionale nei confronti di una nazione è legato al valore che essa è in grado di generare. Whirlpool resterà il primo produttore di elettrodomestici in Italia. Detto questo, nemmeno Whirlpool può esimersi dal fare i conti con il mercato". Sulla ricollocazione dei lavoratori di Napoli, "siamo disponibili al confronto", ha detto La Morgia. "Aspettiamo che Invitalia metta in campo eventuali proposte di reindustrializzazione. A quel punto potremo valutare il nostro concreto contributo".

E Napoli, in queste ore, diventa teatro della nuova protesta dei lavoratori. Per le tute blu partenopee, infatti, è stata avviata la procedura di licenziamento collettivo comunicata dall'azienda la scorsa settimana dopo l'ennesimo tavolo al ministero dello Sviluppo economico. Oltre 150 persone in sit-in alla stazione Centrale del capoluogo campano con i lavoratori dello stabilimento Whirlpool di via Argine che hanno bloccato i binari dell'Alta Velocità all'ingresso della Stazione Centrale di piazza Garibaldi, liberandolo subito dopo.

"Ci possiamo solo scusare per i disagi ma per le lavoratrici e i lavoratori della Whirlpool Napoli. Non si può accettare l'arroganza della multinazionale di ricorrere ai licenziamenti collettivi dopo due anni di lotta. Faremo tutto il possibile per contrastare questa decisione non lo merita la città di Napoli e il Mezzogiorno", dice Giovanni Sgambati, segretario generale Uil Campania, commentando il sit-in alla stazione Centrale di Napoli da parte dei lavoratori della Whirlpool dello stabilimento di via Argine a Napoli.

Giovedì 22 luglio è prevista una manifestazione di gruppo a Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA