Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alitalia, pronto il piano per riassorbire gli esuberi degli ex dipendenti

Alitalia, pronto il piano per riassorbire gli esuberi degli ex dipendenti
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Aprile 2022, 09:15

(Teleborsa) - E' pronto il piano per favorire il pensionamento o la ricollocazione di 7.800 ex dipendenti di Alitalia. Il progetto New Job sottoscritto dai 3 commissari straordinari Giuseppe Leogrande, Gabriele Fava, Daniele Santosuosso e dai sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, UglTa prevede percorsi formativi ed incentivi fiscali e contributivi per favorire la ricollocazione.

Per circa 3.800 ex dipendenti appartenenti ai rami manutenzione ed handling, attualmente sotto procedura di vendita, è previsto il riassorbimento durante il processo di cessione (l'handling probabilmente a Swissport e la manutenzione ad Atitech). Si stima poi che 800 siano pensionabili in seguito all'utilizzo degli attuali ammortizzatori sociali, cioè la Cigs e la Naspi.

Per gli assistenti di volo si prevede l'applicazione degli strumenti di politiche attive del lavoro, che potrebbero essere applicate an che al personale di terra, mentre per i piloti non sono previsti esuberi. Il personale verrà riassorbito progressivamente in ITA con l'aumento dell'operatività.

Fra gli strumenti utilizzati il programma di politica attiva del lavoro GOL -Garanzia di occupabilità lavoratori. Vi sono poi l'esonero contributivo totale (massimo di 36 mesi e 6mila euro annui) per l'assunzione di lavoratori di aziende che siedono al tavolo per la gestione delle crisi aziendali del MISE, oppure l'utilizzo del FEG - Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione che prevede il reinserimento dei lavoratori in esubero in caso di ristrutturazioni e copre l'85% dei costi dell'intervento.

E' previsto anche il coinvolgimento diretto delle Regioni Lazio e Lombardia in una cabina di monitoraggio che preveda la partecipazione delle parti sociali, delle Agenzie del lavoro e di società di consulenza e selezione del personale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA