Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sequenze di Bowspring per riallineare la colonna vertebrale: così si allevia il mal di schiena

Sequenze di Bowspring per riallineare la colonna vertebrale: così si allevia il mal di schiena
di Maria Serena Patriarca
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 21 Aprile 2021, 11:26 - Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 15:00

Liberare il lato felino che è in noi? È possibile con il metodo Bowspring, nuova disciplina olistica di allenamento fisico e “balance” per la mente e le emozioni. Il metodo, trend del momento nel mondo dell’home fitness e dell’outdoor, arriva dagli Usa, creazione dei trainer Desi Springer e John Friend che hanno voluto dar vita ad un modello posturale in cui corpo, cuore e mente si connettono in un mix di movimenti per il riallineamento delle curve fisiologiche della schiena, posture yogiche ed elementi di danza orientale: tutto finalizzato a modellare il corpo, ripristinare le naturali curve della nostra colonna vertebrale e indurre un mood emotivo più spensierato e sereno.

L’ACCORGIMENTO

 Il metodo (www.globalbowspring.com) si è poi diffuso in tutto il mondo e in Europa, con un vero boom dal dilagare del Covid in poi, specialmente tra il pubblico femminile che segue le lezioni, collettive o one to one, online e attraverso i video YouTube. Tommaso Patella, l’unico insegnante italiano riconosciuto dai fondatori del Bowspring, nonché il primo ad aver introdotto in Italia questa metodologia di allenamento, spiega che «se si è principianti bisogna fare attenzione ad allenarsi affidandosi solo ai tutorial su YouTube; meglio seguire un insegnante esperto, magari con lezioni individuali su piattaforme web, in modo da prendere confidenza con i principi basilari della pratica». (https://kineryogaschool.com/bowspring). I vantaggi del Bowspring, con i suoi movimenti dolci o dinamici a seconda che si scelga una sequenza rilassante o energizzante, sono molteplici.

Come precisa Patella «è ideale per il recupero funzionale e posturale, con posizioni che ci fanno prendere consapevolezza del corpo uscendo da schemi motori inconsci. È un ottimo sistema di allenamento per alleviare mal di schiena, cervicalgia, lombalgia, e si lavora molto attraverso il respiro, in una sorta di meditazione in movimento». La respirazione può essere “potente” (in questo modo si va in iperventilazione e si ossigenano i tessuti, con effetto energizzante e rivitalizzante) o “lieve” (il respiro della tartaruga, per esempio, meditativo e rilassante). Le sequenze di Bowspring, con movimenti morbidi e fluidi miranti a ripristinare la naturale curva “a S” della nostra colonna vertebrale, riattivano la catena muscolare posteriore e tonificano i glutei e l’addome, snelliscono il girovita, aiutano a creare un proprio spazio in cui la mente, concentrata sulla sequenza e sul respiro, si distacca dai pensieri stressanti e sprigiona sensazioni di libertà e leggerezza. Last, but not least, con il Bowspring si rafforza il pavimento pelvico, si argina la degenerazione ossea e si potenzia il sistema immunitario.

IL METODO

Attraverso movimenti primari, la tecnica ripristina la curvatura naturale della colonna vertebrale: si mettono le basi per un giusto allineamento del corpo attraverso posture corrette che ci permettono di muoverci in maniera naturale, come fanno gli animali nel proprio habitat. Questo fitness olistico può essere eseguito in piedi, seduti o sdraiati, e può accompagnarsi alla nostra musica preferita: l’interessante è tramutare le posizioni statiche in posizioni dinamiche, facendo leva sulle curve fisiologiche della schiena. L’ideale è allenarsi a piedi nudi, indossando leggings e canotta aderente, meglio a digiuno, senza dimenticare di fare un “water break” in cui bere una tisana detox, magari a base di bardana, carciofo o tarassaco. In casa, potete mettere nel diffusore essenze di eucalipto o cipresso, per “aprire” le vie respiratorie e beneficiare al massimo dell’effetto dell’allenamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Della stessa sezione